Cronaca Chieti Scalo / Via Capestrano

Marciapiedi dissestati e scarsa illuminazione, protestano i residenti dello Scalo

Buche che mettono in pericolo i pedoni, gradini troppo alti e mancanza degli scivoli: fra via Ortiz e via Capestrano è impossibile camminare sui marciapiedi. E di notte i lampioni non fanno abbastanza luce, aumentando i pericoli

Radici cresciute fino a danneggiare l’asfalto, gradini dissestati, buche che ostacolano il passaggio di pedoni e carrozzine. Fra via Capestrano e via Ramiro Ortiz, allo Scalo, è slalom quotidiano fra i marciapiedi rovinati.

In zona sorgono numerose abitazioni, la chiesa dei Dodici apostoli, attività commerciali e la farmacia comunale. Poco distante, lungo viale Abruzzo, c’è una sede distaccata dell’università D’Annunzio. Le strade del quartiere, dunque, sono ogni giorno frequentatissime da cittadini di tutte le età. Senza contare il mercato settimanale che ogni mercoledì porta in via Amiterno, la perpendicolare di via Capestrano, centinaia di bancarelle e compratori.

Se la strada delle cinque palazzine e la parte antistante la chiesa sono state rinnovate poco più di un anno fa, con una serie di interventi che ne hanno cambiato il volto e aumentato la sicurezza, non si può dire lo stesso delle vie minori lì accanto. In via Capestrano è impossibile passare agevolmente sul marciapiede per un disabile in carrozzina o un genitore che spinga un passeggino. E non va meglio ai più anziani, che rischiano di inciampare nei dislivelli dell’asfalto o nelle erbacce che crescono incontrollate.

Male anche in via Ortiz, dove la situazione è più o meno simile. Senza contare che mancano gli scivoli per il passaggio delle carrozzine: al loro posto ci sono gradini piuttosto alti che creano difficoltà notevoli ai disabili che non possono scendere dal marciapiede senza l’aiuto di qualcuno che riesca a sollevare la carrozzina.

Se di giorno la luce aiuta a districarsi fra gli ostacoli, nelle ore di buio il disagio aumenta notevolmente. L’illuminazione non è sufficiente e molti fra i residenti lamentano di non sentirsi del tutto al sicuro a fare lo slalom fra buche e gradini senza riuscire a vedere quasi nulla.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marciapiedi dissestati e scarsa illuminazione, protestano i residenti dello Scalo

ChietiToday è in caricamento