Cronaca Chieti Scalo / Via Amiterno

Ecco la nuova via Amiterno, ma il Pd rivendica il suo progetto

Il sindaco e Colantonio mostrano ai residenti del quartiere il risultato della riqualificazione: spartitraffico, passaggio per ipovedenti, segnaletica orizzontale migliorata. E l'opposizione insorge: "Non è merito vostro"

Inaugurazione in tema natalizio per via Amiterno, la strada di Chieti Scalo a ridosso delle palazzine gestite dall’Ater. Ieri pomeriggio (22 dicembre) il sindaco, Umberto Di Primio, e l’assessore ai Lavori pubblici, Mario Colantonio, hanno fatto gli auguri di Natale agli abitanti del quartiere presentando i lavori da 600 mila euro. Panettone e spumante per spiegare il risultato di sei mesi di cantieri aperti sotto casa.

Le novità più evidenti sono le rotatorie, lo spartitraffico tra le due corsie di marcia e il rinnovo della segnaletica orizzontale. Oltre alla sicurezza, nel rinnovo di via Amiterno si è tenuto conto anche dell’eliminazione delle barriere architettoniche. I marciapiedi sono più larghi e facilmente accessibili alle carrozzine grazie agli scivoli disposti in più punti. Inoltre i percorsi sono dotati di particolari dispositivi per il passaggio degli ipovedenti. Nel quartiere è stato installato il primo impianto di illuminazione a risparmio energetico in città: presto sarà messo anche in viale Amendola.

Non solo estetica: nel corso del lavori è stata sostituita tutta la rete idrica, compresa quella delle palazzine, di competenza dell’Ater. Al momento non ci sono piante, ma l’assessore Colantonio ha garantito che entro primavera le aiuole saranno rinverdite con rosmarino e alloro, che i residenti potranno addirittura cogliere per uso privato.

Ma mentre la giunta Di Primio festeggia il primo risultato “dopo 40 anni” per riqualificare il quartiere, il Pd non ci sta e puntualizza. Secondo Alessandro Marzoli, vice presidente del consiglio comunale e consigliere di opposizione, “i lavori sono stati programmati, progettati, finanziati e iniziati nella scorsa legislatura dall’amministrazione guidata da Francesco Ricci”. Marzoli sostiene che alcuni lavori erano già stati realizzati nel 2009 e “la parte viaria era progettata per essere completata nel 2011. È vergognoso – prosegue – che il sindaco Di Primio spacci per opera sua un progetto che non ha neanche votato quando era consigliere comunale”.

Ma i residenti vanno oltre le polemiche e concordano: “Poco importa chi abbia fatto cosa. Hanno risolto i problemi che avevamo, questo è l’importante. Speriamo solo che duri”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco la nuova via Amiterno, ma il Pd rivendica il suo progetto

ChietiToday è in caricamento