Cronaca

Tutto pronto contro Ombrina e dal Ministero si apre uno spiraglio

Sarebbe stata riaperta l'istruttoria per la richiesta della concessione di Medoilgas. Intanto fioccano le adesioni da parte di partiti e associazioni. Tanti i pullman dalla provincia di Chieti per la manifestazione

Mentre si definiscono le adesioni di comitati e associazioni alla manifestazione prevista per domani a Pescara contro Ombrina Mare il Governo apre uno spiraglio.

Il Ministero dell'Ambiente avrebbe confermato al presidente della regione Gianni Chiodi la riapertura dell'istruttoria per la richiesta della concessione di Medoilgas, dopo che la Commissione Via aveva sospeso ogni decisione.

 ''La nostra azione apre uno spiraglio di riesame nel merito della concessione'' dice Chiodi che chiede ai parlamentari abruzzesi “interventi immediati sul fronte legislativo con l'abrogazione dell'art.35 del Decreto Sviluppo”.

LE ADESIONI Intanto ci si prepara alla manifestazione di domani “No petrolio, per l’Abruzzo, regione verde d’Europa”.  Confcommercio Chieti ha fatto sapere che sarà presente a Pescara con una corposa delegazione per contrastare il progetto petrolifero di fronte alle coste dei Comuni di Ortona, San Vito, Rocca San Giovanni, Fossacesia e Torino di Sangro. “Faremo sentire la nostra voce e quella degli oltre 11 mila imprenditori della provincia di Chieti che rappresentiamo” assicura Angelo Allegrino, presidente provinciale dell’associazione di categoria.

Adesioni, accanto alle associazioni ambientaliste, anche dei partiti come Rifondazione Comunista e Sel. Quest’ultimo sottolinea come “con il documento Strategia Energetica Nazionale varato dal governo Monti l’intero territorio abruzzese è destinato a diventare un distretto minerario per gli idrocarburi”. Scenderanno in piazza alle 15,30 anche i precari abruzzesi dell’informazione, i giornalisti del coordinamento 5euronetti, che spiegano: “Pur garantendo un’informazione imparziale in questo senso sulle testate per le quali collaboriamo, non nascondiamo una certa apprensione verso scelte prettamente industriali le quali, mettendo in primo piano la petrolizzazione e la cementificazione, rischiano di mortificare la morfologia della costa abruzzese nonché le realtà produttive e turistiche presenti”.

E sul web c’è anche chi fa ironia sulla petrolizzazione: nelle ultime ore su Facebook è apparso un manifesto provocatorio riguardante proprio le trivellazioni in Abruzzo con la foto di Rocco Siffredi, il pornodivo originario proprio di Ortona e lo slogan: "Ce l'abbiamo già la trivella d'Abruzzo".

PULLMAN Per permettere a più persone possibile di prendere parte a quella che potrebbe essere una delle più grandi manifestazioni degli ultimi tempi in Abruzzo ci saranno anche diversi pullman a disposizione.

In provincia di Chieti Legambiente Abruzzo organizza un autobus che parte da Scerni, Vasto, Atessa, Paglieta e Lanciano (per informazioni e adesioni: Luzio Nelli 3394630768 e Giuseppe Di Marco 3466366694). Mentre a Lanciano, l’associazione Nuovo Senso Civico ha previsto un treno riservato agli studenti e alcuni pullman che raccoglieranno partecipanti anche da San Vito, Ortona e Francavilla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto pronto contro Ombrina e dal Ministero si apre uno spiraglio

ChietiToday è in caricamento