Cronaca

Il marito lavora e insieme risiedono in un alloggio popolare: denunciata 41enne "furbetta"del Reddito di Cittadinanza

I carabinieri hanno denunciato una donna di Casalbordino che aveva dichiarato il falso per ottenere il sussidio da 700 euro mensili

Per ottenere la rideterminazione dell’importo dell’assegno mensile del Reddito di Cittadinanza da poche decine di euro a circa 700 euro mensili, aveva dichiarato falsamente di occupare con le figlie un’abitazione di sua proprietà che di fatto è fatiscente e priva di allaccio alle utenze di luce, acqua e gas nonché omesso di comunicare che il convivente ha un lavoro stabile ed è per di più assegnatario di un alloggio di edilizia popolare sempre a Casalbordino.

Per questo i carabinieri della stazione di Casalbordino hanno denunciato una 41enne già nota alle cronache giudiziarie dopo il  confronto dei dati contenuti nella domanda presentata all’Inps per ottenere il beneficio con quelli dell’anagrafe e del catasto comunal.

I carabinieri di Casalbordino, oltre ad inoltrare l’informativa di reato alla procura di Vasto, hanno informato la direzione provinciale dell’Inps di Chieti per la revoca del beneficio che intanto ha revocato, con una procedura assai celere, il beneficio ad altri due indebiti percettori che solo pochi giorni fa erano stati segnalati sempre dalla stazione dei carabinieri di Casalbordino per l’indebita percezione del reddito di cittadinanza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il marito lavora e insieme risiedono in un alloggio popolare: denunciata 41enne "furbetta"del Reddito di Cittadinanza

ChietiToday è in caricamento