rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca

Sgomberate 4 famiglie dal condominio Orizzonte, il Comune: "Atto preventivo, subito nuovi sondaggi nell'area"

Lo stabile è da tempo monitorato poiché ubicato in una delle zone più interessate da dissesto idrogeologico. De Cesare: "Intercettati 2,5 milioni per nuovi sondaggi, chiederemo ai tecnici di procedere immediatamente alla verifica dell'area"

Sono quattro le famiglie che ancora abitano il condominio Orizzonte, lungo via Gran Sasso, e che ieri sono state sgomberate con ordinanza del Comune che ha interdetto l’accesso e l’uso delle palazzine. Il provvedimento si è reso necessario a carattere preventivo, viste le condizioni dell’edificio e a fronte delle ingenti piogge di questi giorni.

“È stata emessa un’ordinanza comunale per tutelare l’incolumità dei pochi residenti dello stabile, da tempo monitorato perché ubicato in una delle zone più interessate dal fenomeno di dissesto idrogeologico. La polizia municipale ha supportato con i vigili del fuoco le operazioni di verifica delle condizioni dell’edificio affinché possano avere luogo ulteriori accertamenti circa le condizioni di agibilità – così il vicesindaco Paolo de Cesare, in questi giorni sindaco facente funzioni – Il condominio ha criticità storiche, che ha cominciato a manifestare sin da dopo il sisma del 2009, in passato è stato già destinatario di ordinanze di messa in sicurezza e di interventi di riqualificazione, evidentemente non risolutivi del problema, che, stando alle analisi fin qui svolte sull’area, potrebbe essere legato al sito su cui i 15 appartamenti sorgono, cioè nel cuore di una delle zone più sensibili per via del dissesto idrogeologico storico dell’area di via Gran Sasso e via Arenazze”.

Vista la situazione, e finché le condizioni non siano accertate, l'amministrazione comunale ha chiesto ai condomini rimanenti di lasciare gli alloggi, dicendosi disponibile a provvedere alla sistemazione provvisoria, per venire incontro ad eventuali impossibilità di sistemazioni autonome, qualora non sia loro possibile rientrare a casa.

“Si tratta di un’area che ha da tempo l’attenzione anche della Protezione civile regionale – continua De Cesare - chiamata in campo dall’amministrazione perché si valuti dettagliatamente lo stato attuale del fenomeno e si identifichino, insieme, le azioni da mettere in campo a tutela della popolazione. Uno degli effetti di tale attenzione è l’avvio, proprio in questi giorni e proprio su quell’area, di nuovi sondaggi voluti per avere una cognizione più attuale della situazione e su cui abbiamo intercettato risorse per agire pari a 2,5 milioni di euro. La ditta ha fissato il cantiere su via Gran Sasso e chiederemo ai tecnici di procedere immediatamente alla verifica dell’area interessata dallo sgombero, per capire che natura hanno i danni sull’edificio e l’evoluzione avuta negli anni su quello e su anche su edifici vicini, questo per capire inoltre se la pioggia di questi giorni può averne causato peggioramenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberate 4 famiglie dal condominio Orizzonte, il Comune: "Atto preventivo, subito nuovi sondaggi nell'area"

ChietiToday è in caricamento