Evasione fiscale internazionale, cinque persone denunciate a Lanciano

Due società operanti nei servizi avevano la sede legale in Germania, ma operavano in realtà nel comprensorio frentano. Fra il 2006 e il 2007 i soci avrebbero evaso in tutto circa 3 milioni di euro

Guardia di finanza

La sede legale delle società che gestivano risultavano in Germania. In realtà le indagini della guardia di finanza di Lanciano hanno scoperto che le aziende erano di fatto residenti nel comprensorio frentano. Due le imprese che ricorrevano allo stesso meccanismo, entrambe operanti nel settore dei servizi.

Le società erano state costituite in modo fittizio all’estero allo scopo di “dirottare” parte dei ricavi delle società operative italiane partecipate verso quei Paesi a fiscalità inferiore, in cui sarebbero stati sottoposti ad un’aliquota d’imposta ridotta rispetto a quella applicata in Italia.

È stato accertato che complessivamente le due società, negli anni 2006 e 2007, hanno evaso ricavi per un importo importo di circa 3 milioni di euro.

Cinque persone sono state denunciate per non aver presentato la dichiarazione dei redditi. Rischiano la reclusione da uno a tre anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento