rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

IL CORSO Accessibilità dei Beni Culturali: dall’Abruzzo verso un’Italia ospitale per tutti

I partecipanti al corso nazionale organizzato da Diritti Diretti a Chieti con un obiettivo comune: accogliere in modo adeguato ogni turista interessato a visitare il patrimonio culturale e naturalistico del Bel Paese, anche famiglie con passeggini, donne in stato di gravidanza, persone con disabilità

Prosegue con successo il corso nazionale “Beni Culturali per tutti: Accessibilità universale” organizzato dalla onlus Diritti Diretti a Chieti.

I partecipanti, al termine delle lezioni, a marzo 2014, opereranno a vantaggio di strutture ricettive pubbliche/private per aiutarle a comprendere come progettare e realizzare percorsi accessibili a tutti all’interno di luoghi d’interesse artistico, storico, culturale e naturalistico (chiese, musei, pinacoteche, parchi archeologici/ambientali ecc.).

"Grazie a questo corso – dichiarano i partecipanti, che provengono da molte regioni italiane (Sicilia, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Marche, Molise ecc.) - stiamo passando dall’io al noi. Per la prima volta, lo scorso settembre, ci siamo incontrati a Chieti con lo scopo comune di favorire la fruizione dei Beni Culturali alle persone con disabilità e abbiamo scoperto che anche noi, come ancora troppo spesso avviene, accostavamo erroneamente il tema dell’accessibilità universale al concetto di barriere architettoniche. In realtà, i docenti ci hanno aperto a una prospettiva più profonda: progettare accessibile non significa questo, ma rendere un luogo sicuro, confortevole e qualitativamente migliore per ogni suo potenziale utilizzatore, garantendogli libero accesso alla comunicazione e all’informazione".

Oltre che da Diritti Diretti, il corso è organizzato in collaborazione con il Laboratorio Accessibilità Universale (LAU) dell’Università di Siena e il Museo Universitario dell’Università “G. d’Annunzio” che ospita le lezioni.

Quel che emerge ascoltando le testimonianze dei corsisti è che non basta la buona volontà del singolo per superare gli ostacoli architettonici, ambientali e culturali presenti nel Bel Paese: bisogna infatti avere competenze specifiche per diventare professionisti in grado di spiegare a manager pubblici/privati che accogliere tutti conviene anche economicamente. "Pian piano, stiamo raggiungendo questo scopo – continuano i partecipanti - il corso sta dando a tutti noi la possibilità di inventarci/reinventarci una professione, anche attraverso la costruzione di relazioni tra colleghi. E' indispensabile la creazione di un efficace “sistema di rete” per diventare dei veri portavoce dell’accessibilità universale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

IL CORSO Accessibilità dei Beni Culturali: dall’Abruzzo verso un’Italia ospitale per tutti

ChietiToday è in caricamento