menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, quarantena obbligatoria per chi torna in Abruzzo

Il governatore Marsilio critica le "incertezze del governo" e le "fughe di notizie" che hanno provocato un "esodo biblico”

"Squadre di volontari nelle principali stazioni ferroviarie e terminal bus per ‘intercettare’ gli arrivi da nord, distribuire il ‘decalogo’ dei comportamenti virtuosi di contenimento del virus e invitare tutti all’isolamento volontario". È quanto disposto già dalla scorsa notte, dal presidente della Regione, Marco Marsilio per contenere l'emergenza Coronavirus alla luce della pubblicazio del decreto govenativo che ha allargato l'estensione della cosiddetta "zona rossa" in Lombardia e alle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

"Dalle 3 di questa mattina - dice Marsilio - i volontari stanno facendo questa opera preziosa di informazione e sensibilizzazione. Ma la lettura del deceto governativo oggi pubblicato sul sito del Governo mostra che non esiste alcun ‘divieto’ di spostamento dalla Lombardia e dalle province elencate  ma solo un invito a ‘evitare’ gli spostamenti non necessari, prevedendo infine un esplicito diritto a recarsi presso la propria ‘abitazione, domicilio e residenza’. Un testo simile, per di più diramato in bozza con ore e ore di anticipo, non poteva non provocare le conseguenze che si stanno avendo".

Marsilio fa sapere di aver deciso di imporre la quarantena a tutti quanti rientrano in Abruzzo dalle zone elencate dal decreto."Quanti stanno ‘fuggendo’ dalle ‘zone rosse’ stanno facendo esattamente il contrario di quanto dovrebbero fare - spiega il presidente della Regione, mettendo a rischio la salute dei loro cari e dei loro concittadini. Se proprio non sono in tempo per fermarsi e tornare indietro - conclude Marsilio - abbiano almeno il senso civico e la coscienza di restare a casa in isolamento per due settimane".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento