rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità Tollo

Un letto di semi di epoca romana rinvenuto in un'antica villa rustica di epoca romano-imperiale, in corso i lavori di campionamento

Il ritrovamento nella struttura all'interno dell'azienda vitivinicola Feudo Antico, alla periferia di Tollo, sul pendio di una collina, tra i vigneti

La Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio è impegnata nei lavori in un'antica villa rustica di epoca romano-imperiale, rinvenuta all'interno dell'azienda vitivinicola Feudo Antico, alla periferia di Tollo, sul pendio di una collina, tra i vigneti.

Come ricostruito dalla Soprintendenza, la prima grande fase di vita di questa villa produttiva viene datata in epoca alto-imperiale, probabilmente tra il I secolo avanti Cristo e il I dopo Cristo, e con ogni probabilità è continuata con una certa floridità almeno fino alla media età imperiale. La presenza di materiale ceramico di epoca tarda suggerisce una fase di vita probabilmente databile tra V e VII secolo dopo Cristo. Chiaramente medievali sono le fosse circolari identificate all’estremità settentrionale dell’area dei dolii, grandi contenitori usati per contenere derrate alimentari di liquidi. Le schegge di ceramica pettinata potrebbero suggerire che nel X secolo, quasi 1.000 anni dopo la prima fase della villa, qualcuno abbia usato la stessa zona dei dolia per stoccare materiale agricolo.

All’interno dell’area archeologica è chiaramente visibile un piano inclinato per turculario, caratterizzato da un piano discendente coperto in intonaco idraulico che appoggia a un lungo muro con una parte costruita in opera reticolata: certamente era il fondo di una vasca per raccogliere il prodotto di una spremitura, di olive o di uva. È probabile che nelle vicinanze, posto a una quota più alta, fosse presente un turculario in materiale deperibile (legno) per la produzione del vino. Si conserva un asse di 7 alloggiamenti per dolio incassati in un piano di opera cementizia. Tre di questi sono stati scavati, dimostrando come i dolia siano stati in passato già tolti dalle loro sedi. Poco più a nord si notano i resti di almeno altri due alloggiamenti, nonché frammenti di almeno due dolia. Inoltre, nella stessa area sono presenti almeno 5 fosse circolari scavate direttamente nel terreno: tre di queste sono state svuotate, rivelando frammenti di ceramica decorata a pettine (medievale) e possibili resti di sementi e granaglie, ad attestare una diversa fase di vita.

All’interno della struttura, è possibile apprezzare una grande cisterna in opera cementizia pesante. All’interno di un dolio, è stata fatta una scoperta importantissima: un letto di semi, molto probabilmente leguminose, di epoca romana.

Attualmente è in corso il campionamento dei semi a cura di Anna Dionisio (archeologa), Isabella Pierigè (funzionario restauratore e conservatore), Mauro Rottoli (Cooperativa Arco Como), Luca Cherstich (archeologo), Claudio Giampaolo (restauratore). L’area è stata musealizzata da Feudo Antico-Cantina Tollo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un letto di semi di epoca romana rinvenuto in un'antica villa rustica di epoca romano-imperiale, in corso i lavori di campionamento

ChietiToday è in caricamento