Mercoledì, 29 Settembre 2021
Attualità

Giornata per le future mamme negli hub vaccinali: un'equipe ostetrico-ginecologica per chiarire ogni dubbio

L'appuntamento è per venerdì a Chieti, Lanciano e Vasto, dove è prevista anche una corsia preferenziale per le donne in gravidanza che devono sottoporsi al vaccino

Una giornata dedicata alle future mamme negli hub vaccinali di Chieti, Lanciano e Vasto, quella di venerdì 17 settembre. È l'iniziativa della Asl per chiarire dubbi e timori sul vaccino contro il Coronavirus in gravidanza. 

Un’équipe ostetrico-ginecologica incontrerà le future mamme e le giovani che stanno pensando a una gravidanza per chiarire dubbi e fugare timori su eventuali rischi che il vaccino potrebbe comportare. Ovviamente, oltre al counseling, nei tre centri vaccinali è stata prevista una corsia dedicata alle gravide che desiderano vaccinarsi. 

"Si tratta di una iniziativa  che si colloca nell’ambito della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita - spiega Maria Bernardette Di Sciascio, responsabile dell’unità operativa Qualità e rischio clinico della Asl - per la quale quest’anno l’Organizzazione mondiale della sanità ha scelto il tema 'Cure materne e neonatali sicure'. Per sensibilizzare la popolazione femminile la Asl, in collaborazione con il dipartimento materno-infantile, l’ordine regionale della Professione Ostetrica dell’Abruzzo e il corso di laurea  in Ostetricia dell’università Gabriele d’Annunzio ha programmato una serie di attività finalizzate in questo particolare periodo pandemico a rispondere ai tanti dubbi delle future mamme sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza e in allattamento».

A sottolineare l’importanza dell’iniziativa è Francesco D’Antonio, medico della Clinica Ostetrico-Ginecologica dell’ospedale di Chieti: "La gravidanza rappresenta un significativo fattore di rischio per lo sviluppo di infezione severa da Covid-19 - mette in luce il ginecologo -, soprattutto quando coesistono altre complicazioni della gestazione, tra cui il diabete o l’ipertensione. Inoltre, il Covid-19 è in grado di causare lesione della placenta in circa un quarto dei casi, creando così una potenziale fonte di danno indiretta per il nascituro. Questi dati sottolineano il ruolo fondamentale della prevenzione dell’infezione da Covid-19 nelle donne in stato di gravidanza. Tutti i dati scientifici ad oggi disponibili riportano un’elevata efficacia e sicurezza della vaccinazione anti-Covid-19 in gravidanza, in assenza di un aumento del tasso di effetti collaterali a carico della futura. Inoltre, la vaccinazione antic-Covid-19 in gravidanza non si associa ad un aumento delle complicanze a carico del bambino nei numerosi studi ad oggi condotti, sottolineandone la sua sicurezza anche per il feto ed il neonato,in qualsiasi epoca di gestazione venga effettuata. Tuttavia, in relazione alla peculiarità dello stato di gravidanza ed al timore stesso delle madri nell’andare incontro a qualcosa di sconosciuto, il tasso di vaccinazione delle donne in stato di gravidanza è ancora ridotto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata per le future mamme negli hub vaccinali: un'equipe ostetrico-ginecologica per chiarire ogni dubbio

ChietiToday è in caricamento