rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Attualità Atessa

Operaio deceduto in fabbrica: proclamato uno sciopero per martedì 16 gennaio

Fiom Cgil Chieti e Fim Cisl Abruzzo Molise annunciano uno sciopero di due ore alla fine di ciascun turno nella fabbrica di Atessa dove un lavoratore di 47 anni ha perso la vita

L’Abruzzo piange oggi l’ennesima vittima sul lavoro: un precario che lavorava nella speranza di avere un posto fisso e che non tornerà più a casa dopo la tragedia di questa mattina in una fabbrica dell'indotto automotive della Val di Sangro, la Proma di Atessa.

Fiom Cgil Chieti e Fim Cisl Abruzzo Molise hanno proclamato uno sciopero di due ore per domani, martedì 16 gennaio, da effettuarsi le ultime due ore di ciascun turno nella fabbrica in contrada Saletti.

“Angoscia, sgomento e rabbia sono i sentimenti che viviamo in questi giorni che ci spingono ad alzare, ancora di più, il livello di impegno contro questa vergogna” commentano  i sindacati annunciando la protesta.

“In Italia – evidenziano - gli incidenti sul luogo di lavoro non sono il risultato di eventi fatali. Troppo frequentemente, queste tragedie evidenziano la mancanza di adeguate misure preventive e di sistemi necessari per assicurare la protezione e la sicurezza dei lavoratori. Le condizioni di lavoro in molte aziende sono troppe volte trascurate, con scarsa considerazione per l'importanza della prevenzione. Le iniziative di sensibilizzazione riguardo alla sicurezza sul lavoro vengono spesso considerate costi invece che investimenti nelle persone e nel loro futuro. Inoltre, l'aspetto economico talvolta prevale sulle leggi che mirano a regolamentare il lavoro, portando a una deregolamentazione dannosa. È imperativo che la salute e la sicurezza siano prioritarie in tutti i contesti lavorativi, al fine di contrastare queste tragedie e rendere i lavoratori più forti nella difesa dei propri diritti. Inoltre, è essenziale potenziare l'attività ispettiva degli enti preposti, spesso soggetti a tagli da parte dei governi. La promozione di una cultura diffusa della sicurezza contribuirà a garantire un ambiente lavorativo più sano e sicuro per tutti. Un lavoratore quando esce di casa deve poter tornarci riportando il frutto del proprio lavoro ai propri cari. Non è possibile uscire senza poter tornare. Il diritto alla vita di un lavoratore – concludono - è un bene assoluto che nessuno può cancellare”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio deceduto in fabbrica: proclamato uno sciopero per martedì 16 gennaio

ChietiToday è in caricamento