Mercoledì, 28 Luglio 2021
Attualità

Il parco archeologico della Civitella gestito dal Marrucino: accordo storico per gli spettacoli estivi

La firma tra la Direzione regionale musei d’Abruzzo e la Deputazione teatrale. Per la prima volta il Comune potrà gestire i prestigiosi spazi extra museali della Civitella

Spettacoli di alto livello e un programmazione tempestiva per valorizzare e rendere fruibile uno degli spazi più preziosi della città di Chieti: il parco archeologico della Civitella. È quanto contempla l’accordo di concessione triennale sottoscritto questa mattina all’auditorium Cianfarani da direzione regionale musei Abruzzo, istituzione deputazione teatrale teatro Marrucino e Comune di Chieti. Fino al 30 settembre 2023  il parco archeologico, l’arena, la piazzetta di Resta e gli altri spazi extra museali saranno in gestione integrata con il Marrucino che provvederà all’allestimento di non meno di trenta tra spettacoli di prosa e concerti, ma a partire dall’estate 2022.

Alla sottoscrizione erano presenti il presidente del consiglio di amministrazione della Deputazione teatrale del Marrucino Giustino Angeloni, la dirigente della direzione  generale dei musei d’Abruzzo Maria Stella Margozzi, il direttore del museo la Civitella Marcello Iannicca, il sindaco di Chieti Diego Ferrara e il vicesindaco e assessore alla Cultura Paolo De Cesare, nonchè i componenti del Cda del Teatro Maria Cristina Stumpo e Paolo Roccioletti, il direttore amministrativo Cesare Di Martino e il presidente della commissione comunale Cultura, Luca Amicone.

“Per quest’estate – ha specificato il presidente del cda Angeloni – proveremo a mettere in scena uno spettacolo teatrale e uno musicale di livello tra fine agosto e il mese di settembre. Di più non riusciremo a fare, anche perché ormai le compagnie hanno già le date impegnate, ma stiamo lavorando alacremente perché questo accordo sarà fondamentale in prospettiva poiché permetterà al Marrucino di gestire la Civitella con un accordo triennale che potrà essere rinnovato non solo per quanto riguarda la programmazione ma anche rendendo di nuovo fruibili alcuni spazi come il bar e creando occupazione”. 

Per la dottoressa Margozzi quello siglato è “un accordo  frutto del lavoro tra enti che operano per il bene delle collettività e sarà fondamentale perché renderà fruibile il museo a un più ampio pubblico”.

"È una grossa gioia vedere rifiorire questa zona dimenticata da anni – ha ammesso il sindaco Diego Ferrara – e quello che mi colpisce è questa energia creativa del Marrucino. Lavoreremo tutti insieme a fare della cultura il più importante volano della città e lo faremo nella certezza del potenziale della nostra città". 

"Si tratta di una convenzione unica che nella storia della Civitella - ha aggiunto il vicesindaco e assessore alla Cultura, Paolo De Cesare - perché non era mai avvenuto che il Comune rilevasse la gestione sia dell’anfiteatro, che del parco archeologico e dello Stellario. Saranno la cornice di tanti eventi, integrando la programmazione del Marrucino, ma anche attraverso l’appalto di spettacoli di altissimo livello, a cui stiamo già lavorando". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il parco archeologico della Civitella gestito dal Marrucino: accordo storico per gli spettacoli estivi

ChietiToday è in caricamento