rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Sport

Lega Due: Proger Chieti - Acmar Ravenna 83 – 88 | Gara scomposta, ma tanta buona volontà

A Chieti dubbi ed errori grossolani per la Proger che esce sconfitta. Una gara scomposta sì ma caratterizzata da tanta buona volontà

Dubbi ed incertezze sin dall’inizio. Le poco rassicuranti notizie di spogliatoio si uniscono a qualche voce dubbia di gradinata. Una conferma che si concretizza subito sul parquet. Primo svantaggio, nemmeno il tempo di alzare gli occhi al tabellone per registrare subito un meno sette da shock. Proger in affanno, ma Raschi entra in funzione al momento giusto: 30 pari. Due attacchi falliti, di nuovo sotto per un meno cinque che turba adesso. Morale giù con una difesa sempre in ritardo e costretta al fallo ed un attacco lento e prevedibile. Si gira a vuoto. Dalle due e tre manate per metterla dentro. Nervosismo in campo ed in panchina per un canestro sempre più difficile. Proger ancora in affanno ma prima Shaw e poi Diomede ci riportano in vita. Bruciata qualche possibilità di andare in vantaggio, il tempo si chiude con un 42 pari giusto ed obiettivo.    

Si riprende. Errori su errori per annotare e il terzo svantaggio: 48 – 44. No si riesce a trovare la quadra. In difesa qualcosa funziona ancora, ma in attacco tanta manovra e tanta lentezza. Tutto prevedibile. Arbitri fiscali nel segnalare le  più svariate tipologie di fallo, ma in fondo in fondo possono ritenersi anche giuste quelle segnalazioni. Dalla panchina, un agitatissimo Marzoli in time out prova a ripristinare la carica giusta. Effetto immediato: due magie sotto canestro di Solperto, due voli di Glover per il sorpasso ed un confortante + 5. Scontri verbali forti fra arbitri e Marzoli da una parte, gran sfoggio di giocate dall’altra. Triple stoppate ed intercettazioni per chiudere un terzo quarto da favola a + 4.

Basket: Proger Chieti- Acmar Ravenna 83-88

Si riparte per il finale. L’effetto Marzoli si esaurisce se ritornano insicurezze e dubbi. Errori grossolani, lentezze e svarioni vari si uniscono a sviste arbitrali irritanti. Approssimazioni dall’una e dall’altra parte.  Poco basket in campo. Tanti errori, tanti falli in campo, tanto nervosismo dentro e fuori. Finale da incubo per il logico ritorno del Ravenna. Cinici, fallosi ed ostinati questi ravennati nell’ambire all’obiettivo. Nemmeno gli ultimi incantesimi di Gialloreto riescono ad evitare il definitivo sorpasso. Thriller e scontata agonia finale nell’inutile fallo sistematico. Una Proger che esala le ultime energie in una straordinaria ma scomposta tripla, la giusta sintesi per raccontare una gara scomposta ma giocata con tanta, tanta buona volontà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega Due: Proger Chieti - Acmar Ravenna 83 – 88 | Gara scomposta, ma tanta buona volontà

ChietiToday è in caricamento