menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovani calciatori giapponesi al convitto per uno scambio culturale

La delegazione della Chiba Soccer Club di Mitsui, città a sud-est di Tokyo, arriveranno in città martedì per uno stage di calcio. Saranno impegnati sul campo con una rappresentanza di squadre del territorio. Poi riceveranno un premio dal sindaco Di Primio

Giovani calciatori giapponesi a Chieti, martedì (31 marzo), per uno scambio culturale con gli alunni del convitto nazionale Vico. Gli atleti della Chiba Soccer Club di Mitsui, città a sud-est di Tokyo, saranno impegnati in uno stage di calcio.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Chieti, è coordinata dal professor Sergio Roticiani, presidente dell’Associazione Italiana Allenatori del Lazio, e da Antonello Medoro, referente del progetto “Gioca…cresci… e tifa con noi a scuola”. L’arrivo della delegazione è previsto in città per le ore 10.00. Seguirà un allenamento didattico presso lo stadio Angelini ed un successivo momento di integrazione presso il Convitto G. B. Vico con gli studenti del plesso.

Nel pomeriggio saranno ancora sul campo insieme ad una  rappresentanza di giovani calciatori provenienti dalle società sportive del nostro territorio quali l’Asd. Ripa 2007, River 65, S. Anna, Virtus Lanciano, Durini, Poggio. Al termine dell’incontro tecnico, il sindaco Di Primio consegnerà dei premi agli studenti nipponici ed abruzzesi.

«L’amministrazione comunale – spiega il consigliere Emiliano Vitale - ha colto con grande entusiasmo la possibilità di ospitare a Chieti questo evento sportivo che rappresenta un importante momento di scambio culturale per i nostri ragazzi. Desidero ringraziare, a nome mio e del Sindaco, tutti i partner del progetto, il convitto G. B. Vico, in particolare la preside Giuseppina Politi, l’infaticabile coach Antonello Medoro, nonché Massimo Santarelli, dirigente della squadra Ripa 2007. Sarà una giornata all’insegna della sana competizione sportiva nonché un’esperienza altamente formativa e di socializzazione, a dimostrazione che lo sport e la scuola possono favorire lo scambio e l’apertura verso nuove culture».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento