menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il servizio raccolta rifiuti si ferma sulla strada principale, protestano i residenti di via Ortiz

Sulle strade private Formula ambiente non entrerà più a ritirare i rifiuti. Le famiglie denunciano il disservizio: "Saremo costretti a fare centinaia di metri con i rifiuti al seguito"

Cambiano le modalità di ritiro rifiuti da parte di Formula Ambiente. Da questo mese, (sulla carta dal 22 luglio ma ci sono stati dei ritardi nella consegna dei bidoni e la modifica non è ancora attiva), il servizio di nettezza urbana si fermerà sulle strade pubbliche e, come stabilito dal Comune di Chieti, chi abita nei palazzi delle strade private dovrà trasportare ogni sera i bidoni sulla strada principale per poi riportarli sul suolo privato, anche se ciò dovesse comportare decine di metri di distanza da percorrere. 

I residenti di via Ramiro Ortiz, strada privata dello scalo, ma centrale e piena di palazzi, nonchè abbastanza trafficata per via di svariate attività presenti, sono preoccupati per i disagi che nei prossimi mesi potrebbero coinvolgere centinaia di persone e, assieme agli amministratori condominiali, si stanno mobilitando. 

“Nella nostra strada - spiega una residente di via Ortiz – a breve gli operatori non passeranno più a raccogliere l'immondizia come fatto fino ad oggi e chi vive qui dovrà recarsi o in viale Abruzzo o in via Amiterno. Il Comune di Chieti, infatti, non avrebbe dato l’ok per intervenire anche in questa via, ma questo rappresenta un grosso disservizio e gli amministratori dei vari palazzi hanno già deciso di intervenire con reclami”.

Secondo quanto riferito da questi ultimi il Comune, nonostante le osservazioni di Formula Ambiente, non avrebbe ritenuto necessario applicare delle modifiche al programma, che tra le altre novità prevede anche la raccolta separata del vetro da plastica e metalli. 

Intanto domattina alle 9 condomini e amministratori di via Ortiz incontreranno i delegati di Formula Ambiente per cercare di fare un po' più di chiarezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento