menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
@dibenedettoanna3 Via Instagram

@dibenedettoanna3 Via Instagram

Mandorle interrate: come si preparano i “Sassi d’Abruzzo”

Ricordano, per la loro forma irregolare e il colore, dei veri e propri sassi

C’è chi li chiama Sassi d’Abruzzo, chi mandorle interrate, o atterrate, ma il gusto è sempre lo stesso: croccante e dolcissimo.

Cosa sono? Nient’altro che mandorle cotte e ricoperte di zucchero e altre spezie che ricordano, per la loro forma irregolare e il colore, dei veri e propri sassi. Inoltre, il loro nome è uno specifico richiamo al Gran Sasso.

Si tratta di un prodotto tipico teramano, nello specifico di Sant’Egidio alla Vibrata,

In casa, generalmente, si preparano in poco tempo, ma la ricetta tipica prevede una preparazione lunga circa 24 ore.

Ingredienti

  • 200 g di mandole
  • 200 g di zucchero semolato
  • 200 g di acqua
  • 1 cucchiaino di cacao o cannella a piacere

Procedimento

Versare in un pentolino antiaderente zucchero e acqua, cuocere a fiamma medio-bassa e metterla al minimo quando lo sciroppo inizierà a ridursi.

Rialzare la fiamma quando si aggiungeranno le mandorle e lasciar evaporare tutta l’acqua.

Una volta evaporata, riabbassare la fiamma e mescolare con un cucchiaio di legno. Quando il caramello si aggrapperà alle mandorle, inizierà a scoppiettare: è il momento di spegnere il fornello, prelevare le mandorle e spargerle su una teglia rivestita di carta forno.

Bisogna distribuire le mandorle e separarle bene, altrimenti si attaccheranno l’una all’altra.

Come preparare il croccante alle mandorle

Variazioni 

La ricetta tradizionale è stata rivisitata e rivista così tante volte che ognuno aggiunge o toglie alle mandorle interrate una serie di ingredienti. Alcuni usano dei liquori, come l’alchermes, mentre altri preferiscono aggiungere dei pezzetti di cioccolato fondente e della scorza di limone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento