menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le opposizioni di San Giovanni Teatino: "L'amministrazione Marinucci ha decretato la fine della società Sgt multiservizi"

L'attacco dei consiglieri di minoranza al comune di San Giovanni Teatino Efrem Martelli e Maria Rosaria Elia del Cdx, Mario Cutrupi del M5Stelle e Giuseppe Costantini capogruppo del Movimento Insieme

Esternalizzazione del servizio cimiteriale, licenziamento del personale e riduzione servizi: sono alcune delle decisioni che, a detta dei consiglieri di minoranza di San Giovanni Tetaino, starebbero portando sull'orlo del precipizio la Sgt multiservizi srl-

"«Nei mesi scorsi il sindaco Marinucci e la sua maggioranza avevano dichiarato che mai e poi mai avrebbero acconsentito all'attuazione del piano Borrelli.. Eppure lo stesso primo cittadino e la sua maggioranza lo hanno approvato nei giorni scorsi, facendo di fatto il contrario di quanto sostenuto in precedenza: questo è sottoscritto e dichiarato anche da parti importanti della maggioranza che con emendamenti e dichiarazioni hanno confermato quanto sosteniamo da mesi attraverso video, note e denunce" sottolineano Efrem Martelli e Maria Rosaria Elia del centrodestra, Mario Cutrupi del M5Stelle e Giuseppe Costantini capogruppo del Movimento Insieme.

Che aggiungono: "La ricapitalizzazione è fatta su un piano industriale che avevamo dal mese di novembre” e di fatto si è proceduto ad approvare il piano Borrelli. Vorremmo ricordare alla cittadinanza che la Sgt Multiservizi nasce dalle ceneri della Fb che questa Amministrazione ha portato al concordato preventivo.  Nonostante la legge imponga che la ricapitalizzazione di una società deve basarsi su un piano di ricostruzione reale e attuabile questa amministrazione già nel 2017 ha approvato una ricapitalizzazione basata su un piano industriale mai attuato e oggi a distanza di soli 2 anni ci troviamo di fronte a una nuova ricapitalizzazione che ha provocato un debito fuori bilancio di oltre 170.000,00 ricordando che questa delibera andrà al vaglio della Corte dei Conti con il rischio di essere accusati per danno erariale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento