Riapertura in sicurezza delle scuole: centrosinistra propone una task force

Febo e Zappalorto presentano un ordine del giorno. “Ancora una volta dobbiamo rilevare l’immobilismo di questa amministrazione uscente, troppo presa dalla propria personale campagna elettorale"

A due mesi dalla data prevista per la riapertura in sicurezza delle scuole cittadine, non ci sono ancora informazioni sulla sicurezza e il diritto alla studio in presenza degli alunni di Chieti. A denunciarlo il capogruppo Chieri per Chieti  Luigi Febo e la capogruppo Pd Chiara Zappalorto che chiedono una task force in Comune per la riapertura in sicurezza.

“Ancora una volta, con amarezza ma non senza sorpresa, dobbiamo rilevare l’immobilismo di questa amministrazione uscente che, troppo presa dalla propria personale campagna elettorale, ha pensato bene di non convocare una specifica e quanto mai necessaria conferenza dei servizi per la riapertura delle scuole, ma ha semplicemente delegato a propri tecnici comunali il confronto con i dirigenti scolastici dei quattro comprensori cittadini, limitando l’interessamento e l’impegno del Comune a quello che si può definire un mero sondaggio ricognitivo delle esigenze lì espresse” spiegano.

 Al momento si sta lavorando alla presentazione delle schede che dovranno confluire sul software del Ministero entro l’8 luglio.

“Dobbiamo fermamente rilevare che non è questo l’obiettivo posto dalle disposizioni governative allorché ha investito gli enti locali anche di ulteriori disponibilità economiche (310mila euro per Chieti) per il rientro a scuola in tempo di Covid-19- aggiungono i due consiglieri di minoranza - . Se è vero che ai dirigenti scolastici, nel rispetto della loro autonomia gestionale, è demandata l’individuazione delle proprie necessità logistiche a garanzia delle misure di prevenzione per il contagio da Covid-19, è vero pure che costoro non possono e non devono essere investiti di responsabilità e oneri non afferenti con il proprio ruolo o funzione”.

Da qui la richiesta, con uno specifico ordine del giorno in consiglio comunale, di costituire celermente una task force, finalizzata alla riapertura con criteri e soluzioni condivise, composta dagli assessorati competenti, dai dirigenti e funzionari di settore, dai capigruppo in consiglio comunale, dai dirigenti scolastici di Chieti, da una rappresentanza delle parti sociali, e non ultima da una o più componenti dei Consiglio d’Istituto in rappresentanza delle famiglie. 

“Ci poniamo come sempre in uno spirito di servizio e collaborazione in questa fase di ripresa dopo la triste esperienza sanitaria, purtroppo, non ancora del tutto conclusa. Confidiamo in una altrettanto costruttiva posizione di responsabilità e condivisione della uscente maggioranza politica comunale nell’esclusivo interesse del bene dei cittadini di Chieti, cui va garantito tutto il sostegno necessario per poter riavviare i propri figli, e nipoti, alla normale vita scolastica” concludono Febo e Zappalorto. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento