menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritardi per l'approvazione del Piano regolatore generale di Torrevecchia: l'opposizione incalza

Il gruppo consiliare Torrevecchia Libera chiede di convocare un consiglio comunale ad hoc per verificare a che punto sia l'iter di un documento attesto dal 2019

Tarda ad arrivare l'approvazione del Piano regolatore generale del Comune di Torrevecchia Teatina, documento che si sarebbe dovuto approvare entro il 30 giugno 2019. 

"Dopo ritardi, commissariamenti, pubblicazioni, osservazioni e dimenticanze varie - lamenta il gruppo consiliare Torrevecchia Libera - si è arenato ancora: adesso, nelle secche dei pareri istituzionali superiori. Dopo il commissariamento dell’agosto 2020, dovuto all'incompatibilità della maggioranza dei consiglieri comunali, il Prg è stato adottato l’11 settembre 2020 e pubblicato ad ottobre sul Bura".

Il termine per le osservazioni dei cittadini era fissato al 21 novembre scorso. "Dopodiché - dicono i consiglieri di minoranza - tutto torna nel silenzio. Nessuna notizia, se non quella della convocazione tardiva della conferenza di servizi, dove emergono mancanze e sottovalutazioni tecniche incredibili: adesso integrazioni necessarie per documenti tecnici mancanti e obbligatori come la Valutazione ambientale strategica".

Così, slittano i tempi per l'approvazione definitiva e, al momento, non è possibile prevedere quando ci sarà.

"Oltre agli oltre 100mila euro spesi negli ultimi dieci anni per la pianificazione - dicono i consiglieri di Torrevecchia Libera - si prevedono ancora circa 15/20 euro per pagare commissario, tecnici e spese vive per i documenti mancanti".

Per questo, il gruppo d’opposizione Torrevecchia Libera chiede la convocazione di un consiglio comunale per la verifica dell’iter e per rendere pubblico tutto ciò che sta accadendo nel palazzo comunale intorno al Piano regolatore generale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento