Marsilio risponde alle polemiche: "Processato per l'apertura del primo maggio, ma zero contagi 15 giorni dopo"

Marsilio rispedisce al mittente le accuse lanciate più di un mese fa dall'opposizione a distanza di tempo e con in mano i dati dei contagi

Marco Marsilio

Il presidente della giunta regionale abruzzese, Marco Marsilio, torna sulle polemiche che vennero generate per la decisione di riaprire alle attività all'aria aperta scorso 1 maggio nonostante le restrizioni imposte dal decreto governativo.
Marsilio rispedisce al mittente le accuse lanciate più di un mese fa dall'opposizione a distanza di tempo e con in mano i dati dei contagi.

«Siamo in un Paese che fino a poche settimane fa considerava un untore chi andava a correre in un parco o si faceva qualche chilometro in bicicletta», dichiara il presidente della giunta regionale, «il sottoscritto è stato processato dalle opposizioni perché nella settimana del primo maggio ha adottato ordinanze che facevano riprendere attività all'aria aperta».

Marsilio si focalizza in particolare su un caso: «A Pescara nacque processo su quel che accadde in quel fine settimana del primo maggio e 15 giorni dopo c'erano zero contagi e questo dimostra che si può vivere senza paranoie, ai tempi del Covid, con le dovute attenzioni e facendo i conti con le autorità mediche e scientifiche che dobbiamo rispettare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento