menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Di Paolo: "L'assestamento di bilancio certifica la situazione disperata delle casse comunali"

Il capogruppo di Giustizia sociale interviene sulla delibera di assestamento di bilancio 2015 approvata lunedì in consiglio comunale: "E' figlia di un bilancio di previsione 2015 che poggia su entrate sovrastimate e difficilmente realizzabili"

”Siamo di fronte ad un atto che certifica ulteriormente la situazione disperata delle casse comunali”. Lo dice il capogruppo di Giustizia sociale, Bruno Di Paolo, commentando la delibera di assestamento di bilancio 2015 approvata lunedì dalla maggioranza in consiglio comunale.

“Per l’ennesima volta è stato portato un partito di delibera all’attenzione di noi consiglieri in tutta fretta e a dir poco rabberciato. Peraltro la coalizione di centro destra- tuona Di Paolo- continua ad approvare atti bocciati sonoramente dal collegio dei revisori dei conti. C’è davvero poco da stare allegri malgrado i toni trionfalistici utilizzati dal sindaco Di Primio. La delibera di assestamento di bilancio – continua il consigliere di opposizione - è figlia di un bilancio di previsione 2015 che poggia su entrate sovrastimate e difficilmente realizzabili. Non a caso i revisori hanno contestato l’insufficienza del Fondo rischi accantonato in caso di soccombenze giuridiche, gli importi gonfiati dei canoni idrici ascritti e, soprattutto, le cifre dei canoni ricognitori concessori raddoppiati, nel 2015, rispetto al biennio scorso. Tutti motivi che hanno spinto i revisori a non comprovare l’assestamento di bilancio dell’ente - riprende Di Paolo - con il dirigente del settore finanziario del Comune che, malgrado gli sforzi, non è riuscito a replicare alle perplessità avanzate dal collegio di revisione contabile”.

Secondo Di Paolo ancora, nei giorni scorsi la maggioranza ha firmato un emendamento al partito di delibera che rappresenta una variazione di bilancio vera e propria. “Sono stati stanziati 117 mila euro in più per la sistemazione dell’asilo nido di piazza Carafa e 22 mila euro per la sostanziosa buonuscita da dare al sindaco in virtù dello scorso mandato elettorale. Ma l’importo di 117 mila euro- lamenta Di Paolo- non è stato specificato, come di contro la legge prevede in caso di impegni di spesa per opere pubbliche, e questa variazione di bilancio sarebbe dovuta passare in commissione. L’amministrazione Di Primio continua a navigare a vista sul bilancio e la cittadinanza, prima o poi, ne pagherà, purtroppo, le conseguenze”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento