menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ortona, il consigliere Di Nardo attacca la giunta comunale: "Incapace di gestire emergenza"

Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Lega e lista Libertà e Bene Comune per Ortona, chiede un'immediata "inversione di rotta" alla giunta Castiglione

Il consigliere ortonese Angelo Di Nardo attacca la giunta Castiglione. Nell'ultimo consiglio comunale il capogruppo del centrodestra aveva presentato due proposte di delibera per far fronte all'emergenza coronavirus.

"Nella prima proposta di delibera si chiedeva che, come avvenuto in diverse località abruzzesi, fossero sospesi e posticipati i termini di pagamento dei tributi comunali e una riduzione dei tributi a favore di quelle attività economiche che sono state costrette a chiudere a causa dell’emergenza e che attualmente sono in ginocchio”.

La seconda proposta di delibera riguardava la variazione di bilancio: “Se fosse stata approvata avremmo reperito 200.537 euro, da destinare alle politiche sociali e dunque alle famiglie in difficoltà e al sostegno della piccola e media impresa, in parte tagliando i costi della politica e in parte sottraendoli al capitolo degli eventi e manifestazioni, che per il momento non potranno svolgersi”.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Lega e lista Libertà e Bene Comune per Ortona, pone inoltre in evidenza “l’incapacità politica del sindaco e della sua maggioranza di trovare una sintesi sulla variazione di bilancio, tanto che l’opposizione si è vista costretta a sollecitare la convocazione del consiglio comunale tramite una richiesta urgente”. L’esponente del centrodestra ortonese rileva anche che, “con questa giunta alla guida, il Comune di Ortona risulta non pervenuto sul fronte di questa drammatica emergenza e gli unici segnali che il sindaco ha provato a dare certificano la sua assoluta inadeguatezza, come dimostra la vicenda riguardante la 'zona rossa' di Caldari, di cui prima ha chiesto a gran voce l’istituzione, per poi tentare di fare marcia indietro”.

In conclusione Di Nardo auspica “che la rotta sia al più presto invertita, perché continuare a fronteggiare in questo modo un’emergenza sanitaria non ancora alle spalle e un’emergenza economica che è solo agli inizi, significa esporre pericolosamente gli ortonesi al rischio di subire scelte unilaterali a vantaggio e beneficio di una sola parte della città”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento