Politica

Il Convegno di Giustizia Sociale: Di Primio assente ingiustificato?

Grande partecipazione al confronto su Chieti e Chieti Scalo con Nicola Cucullo, Francesco Ricci e l’ex sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Giovedì 29 novembre 2012 presso l'Auditorium "SS Crocifisso" di Chieti Scalo si è svolto il Convegno organizzato dal partito Giustizia Sociale: "Chieti-Chieti Scalo un'unica grande città o un'unica grande illusione?"

Grande la partecipazione dei cittadini in un confronto di idee e fatti tra Nicola Cucullo (sindaco di Chieti dal 1993 al 2005), Francesco Ricci (dal 2005 al 2010) e l’ex sindaco di Pescara, Luciano D'Alfonso. Se l’arcivescovo della Diocesi di Chieti-Vasto, monsignor Forte ha comunicato “per tempo” la sua assenza per motivi pastorali, ribadendola in sala attraverso con una missiva letta ai presenti dal Parroco Don Gino in apertura, l’attuale sindaco Umberto Di Primio secondo gli organizzatori sarebbe stato “assente ingiustificato”.



“Interessante sarebbe stato vederlo a confronto con gli altri ospiti – si legge in una nota di Vittorio Cimini, vice segretario di  Giustizia Sociale -  poiché, dalla sua ventennale esperienza di amministratore cittadino, avrebbe sicuramente potuto offrire importanti contributi per armonizzare lo sviluppo della città. Evidentemente – prosegue il vice - Di Primio non ha avvertito l'importanza dell'avvenimento o, forse, sopraffatto dal timore di essere accusato dall'assemblea dei presenti per le tante, troppe, negligenze della sua amministrazione, ha preferito darsi alla macchia e non intervenire”.

Incalzato dal moderatore, Bruno Di Paolo,  l'ex sindaco Nicola Cucullo ha parlato della realizzazione della terza corsia sulla Colonnetta, precisando come come la sua giunta "sia stata la prima a cominciare ad occuparsi seriamente dello Scalo e ad unire nel vero senso della parola le due parti principali del comune".

Rimanendo in tema, Francesco Ricci ha inquadrato in altro contesto la mancanza di effettiva contiguità tra le due entità: "Tra la parte alta e quella bassa di Chieti vi é sempre stata una grande diversità di vocazione economica e di retroterra storico-culturale- ha detto - dunque giocoforza la comunicazione ne ha risentito negativamente. Sono del parere che la strada da percorrere sia quella di un miglioramento del trasporto pubblico, come già tentato durante la mia amministrazione".

L'ex primo cittadino di Pescara, Luciano D'Alfonso, ha allargato il discorso della contiguità territoriale "a tutta l'area metropolitana di Chieti e Pescara, che arriva sino ad Ortona e Giulianova, poiché esiste un destino comune a tutta l'area che non può e non deve fermarsi agli stretti confini di una singola realtà urbana". VIDEO 1 - VIDEO 2

Conclusioni affidate al padrone di casa Di Paolo, che ha così rimarcato l’esigenza di un solo contesto urbanistico, cercando, al contempo, soluzioni immediatamente eseguibili come ad esempio una pista ciclabile  o anche un percorso pedonale alberato, che potrebbero fornire, oltre che una immediata risposta al collegamento, anche qualche opportunità occupazionale attraverso la realizzazione di punti di ristoro lungo i due percorsi.

Tra il pubblico diversi amministratori locali e del circondario e il sindaco di Montesilvano Di Mattia. Tra gli interventi dei cittadini presenti in sala  particolarmente apprezzato è stato quello della dottoressa Daniela Petrongolo, che ha ribadito "l'opportunità di potenziare il trasporto pubblico e renderlo gratuito". Molto seguito anche il contributo al dibattito fornito da Cristiano Vignali, membro del Comitato per la difesa di Chieti e della sua Provincia, che ha auspicato "il superamento delle divisioni e della mancanza di comunicazione che tradizionalmente dividono Chieti e Chieti Scalo, affinché tutti i teatini possano scegliere insieme un'amministrazione che faccia davvero il bene della città".

Tra un intervento e l'altro, il convegno é stato allietato dai canti tradizionali abruzzesi eseguiti dal coro folkloristico "Francesco Paolo Tosti" di Francavilla al Mare.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Convegno di Giustizia Sociale: Di Primio assente ingiustificato?

ChietiToday è in caricamento