menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assestamento di bilancio, il consiglio comunale approva

Il consiglio comunale dice sì alla delibera sull’assestamento generale di bilancio per l’esercizio finanziario 2015, con 21 voti favorevoli - e 6 contrari - nonostante il parere negativo del collegio dei revisori dei conti che, sulla scia del bilancio di previsione, hanno sollevato diverse criticità non sanate

Il consiglio comunale dice sì alla delibera sull’assestamento generale di bilancio per l’esercizio finanziario 2015, con 21 voti favorevoli - e 6 contrari - nonostante il parere negativo del collegio dei revisori dei conti che, sulla scia del bilancio di previsione, hanno sollevato diverse criticità non sanate. 

Una seduta fiume, quella di oggi (lunedì 30 novembre), iniziata poco dopo le 10 dopo una sospensione per prendere visioni delle pregiudiziali e delle sospensive presentate dall’opposizione, e andata avanti fino alle 15 in punto, orario del voto che ha decretato la sconfitta dell’opposizione dopo una strenua battaglia durata tutta la mattinata. 

Esulta il sindaco Di Primio, che loda la maggioranza per “il proprio senso di responsabilità e la propria compattezza” e non risparmia frecciate al vetriolo ai consiglieri di opposizione, che definisce senza mezzi termini “sinistri gufetti”. “Adesso - commenta - il lavoro deve essere profuso per la predisposizione del Documento unico di programmazione da approvare entro 30 dicembre”

Prima di arrivare alla discussione della delibera, c’è stata una lunga battaglia delle opposizioni, a colpi di sospensive e pregiudiziali, 12 in tutto, per sollevare i nodi critici del documento, già messi in luce dall’organo revisore contabile. Fra i nodi più contestati, il fatto che la documentazione non riportasse la valutazione dei singoli dirigenti di settore, per verificare se le entrate correnti fossero sufficienti a coprire le spese, e la discrepanza fra i canoni idrici integrati e il fatturato di Teateservizi, la società municipalizzata incaricata di riscuoterli. Tutte le richieste, compresa quella dei 5 stelle di sospendere per studiare una documentazione arrivata senza il tempo necessario a studiarla, sono state respinte a pioggia dalla maggioranza

“Non ci sono stati stravolgimenti tali da cambiare l’impianto del bilancio di previsione - ha spiegato all’assemblea l’assessore al Bilancio Valentina Luise - sono stati adeguati alcuni capitoli, come la rivisitazione delle spese per il personale o aggiustamenti tecnici rivolti all’adeguamento. Diverse eccezioni sollevate dal collegio dei revisori sono state risolte, ma le criticità trovano un bilanciamento negli accantonamenti dei fondi”. 

La battaglia dell’opposizione è andata avanti con la presentazione di 9 emendamenti, tutti respinti tranne uno, e con un’accesa contestazione del consigliere Pd Alessio Di Iorio verso la presidenza dal momento che il parere dei revisori dei conti su uno degli emendamenti presentati è arrivato poco dopo le 13, a dispetto del regolamento secondo cui debba essere consegnato ai consiglieri almeno 4 giorni prima della seduta. 

Critici anche i 5 stelle Ottavio Argenio e Manuela D’Arcangelo, che insieme al consigliere Enrico Raimondi (L’Altra Chieti) e all’intera opposizione hanno più volte chiesto, invano, una sospensione della seduta per comprendere meglio documenti arrivati troppo tardi. E il capogruppo grillino si lascia andare, su Facebook, ad uno sfogo contro “l’amministrazione e la sua politica di non corretta gestione delle risorse economiche e finanziarie”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento