Abruzzo, Febbo su Zes: “Arriva il via libera al decreto per approvazione”

L’assessore regionale alle Attività Produttive annuncia la stesura definitiva della zona economica speciale e critica “i ritardi” del governo

"L'Abruzzo adesso può tornare competitiva ed attrattiva per gli investimenti industriali". Ad annunciarlo è  l'assessore regionale alle Attività Produttive, Mauro Febbo dopo essere venuto a conoscenza che il dipartimento della coesione territoriale del ministero è al lavoro per la stesura definitiva della Zona Economica Speciale che sarà inserita in un apposito Dpcm di imminente emanazione". Dopo le ultime verifiche con esito positivo effettuate sia da parte dal MIT che del MEF attendiamo a giorni la pubblicazione del DPCM con l'approvazione definitiva finalmente anche della Zes della Regione Abruzzo".  

Un buona notizia che però, secondo Febbo "arriva purtroppo in ritardo dopo uno stallo incomprensibile, sbloccato solo dopo le ripetute sollecitazione scritte da parte del sottoscritto e dello stesso presidente Marsilio indirizzate direttamente al ministro per il Sud e la Coesione, Giuseppe Provenzano, e dopo il successivo intervento di 16 sigle delle organizzazioni datoriali e sindacali, che ringrazio anche a nome del presidente Marsilio".

Le 'colpe' per l'assessore abruzzese sono da attribuire al governo. "Infatti si potevano risparmiare svariati mesi se il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, avesse per tempo preso in considerazione le osservazioni del responsabile del Dipartimento per le politiche di coesione, Ferdinando Ferrara e se, successivamente sempre il ministero del Sud non avesse dimenticato in un cassetto la lettera del Mef, riemersa solo dopo un sollecito del presidente Marsilio nel confronti del viceministro Antonio Misiani. Ricordo come la questo governo regionale, sin dal suo insediamento, ha svolto fino in fondo il suo compito portando avanti e correggendo una proposta della precedente amministrazione non condivisa dai sindaci, anche quelli della stessa parte politica, dalle aziende e dalle sigle sindacali e rispondendo prontamente ed accogliendo le osservazione solevate dal Mef già dal mese di luglio 2019".

In ogni caso Febbo esulta per questo "traguardo fondamentale poichè la Zes, attraverso il suo Piano strategico, deve diventare per l'Abruzzo uno strumento fondamentale di rilancio dell’economia ed in particolare del settore produttivo soprattutto in questo momento di gravissima difficoltà economica dove la domanda è in fortissima stagnazione. Infatti con le opportunità offerte dalla Zona economica speciale potremmo lavorare ed offrire alle imprese strategie logistiche e di infrastrutture utili a conservare, ma anche attrarre, un comparto fondamentale per la nostra economia in termini di Pil e occupati. Da subito ci metteremo al lavoro per correggere la perimetrazione presentata e con l'aiuto di tutti gli stakeholders ci confronteremo per definire e puntualizzare scelte e obiettivi fondamentali per l'economia dell'Abruzzo".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: 705 nuovi contagi e 10 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Torna su
ChietiToday è in caricamento