Terremoto, aziende abruzzesi mettono a disposizione i propri laboratori per le imprese danneggiate

Dalla Cna una rete di solidarietà: laboratori aperti per assicurare assistenza alle aziende del cratere sismico

Norcia in ginocchio dopo il terremoto, foto Ansa

Dar vita rapidamente a una rete di solidarietà intorno alle micro imprese e agli artigiani del cratere sismico che hanno riportato seri danni alle proprie attività, tanto da mettere in crisi la loro capacità produttiva. E’ l’invito della direzione della Cna Abruzzo, che lancia in queste ore il progetto “Laboratori aperti”: chiederà alle aziende associate, e non, di offrire ospitalità e sostegno ai colleghi colpiti dal terremoto.

Ospitalità e sostegno che si tradurranno nella messa a disposizione delle proprie officine, dei propri laboratori, delle proprie strutture, nell’offerta di assistenza tecnica. "Crediamo in questo modo – spiega il presidente della confederazione artigiana, Italo Lupo – di offrire a tanti nostri colleghi un contributo efficace e solidale, in un momento nel quale alla perdita dei propri beni si somma la preoccupazione di veder andare in fumo anche la propria attività professionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa situazione delicata, l’area del Teramano appare certamente quella più critica, visto che è stata colpita più delle altre (insieme ad alcune zone dell’Aquilano) dalle conseguenze del sisma che ha interessato una parte consistente dell’Italia centrale la scorsa settimana, coinvolgendo Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Uno scenario drammatico, come sintetizza il direttore della confederazione artigiana teramana, Gloriano Lanciotti: "Se guardiamo alle prime stime dei danni - dice - la situazione all’interno dei sedici comuni effettivamente coinvolti dal sisma parlano di oltre 4mila imprese interessate, che danno lavoro a qualcosa come 8mila persone. Per ora, ufficialmente, i centri inseriti all’interno del cosiddetto “cratere sismico” sono solo cinque; ma abbiamo la netta sensazione che, anche grazie alla pressione degli enti locali,  questo numero sia destinato ad ampliarsi, e di molto. E questo fornisce una dimensione del problema che abbiamo di fronte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l’ora solare e guadagneremo un’ora in più di sonno

  • Traffico paralizzato in centro per l'auto dei vigili in divieto di sosta: multati dai loro colleghi

  • In provincia di Chieti 32 comuni di montagna rischiano di scomparire: arrivano contributi dalla Regione

  • Furto con scasso in una pizzeria del centro di Chieti, il titolare pubblica le foto dei ladri sui social: "Chi li riconosce?"

  • Amazon raddoppia: nuovo deposito e posti di lavoro in provincia di Chieti?

  • Coronavirus, si abbassa l'età media: positivi due tecnici del policlinico e due 40enni a Lanciano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento