rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
PARTECIPATA

Arriva in consiglio la delibera su Teateservizi: verso la trasformazione a società pubblico-privata

Se approvata, vedrà l’avvio della procedura entro il 31 dicembre con la cessione del 49% delle quote ai privati e l’affidamento del servizio per gli anni del concordato. Il consigliere comunale di Forza Italia Damiano Zappone: "Ferrara e la maggioranza chiedano scusa"

Approderà giovedì in consiglio comunale a Chieti la delibera l’avvio della procedura per la trasformazione di Teateservizi a società pubblico-privata. Lo rendono noto il presidente del consiglio comunale Luigi Febo e il sindaco Diego Ferrara.

"Il commissario giudiziale nel suo parere sul concordato preventivo afferma che ad oggi la delibera 296 del 27 marzo non ha ancora trovato attuazione, non entra nel merito della situazione attuale, tant’è che ieri abbiamo predisposto con la riunione dei capigruppo un consiglio in prima convocazione per giovedì e in seconda convocazione per lunedì. La riunione dell’Assise - spiegano Febo e Ferrara - avrà all’ordine del giorno una delibera di indirizzo proposta all’unanimità dalla giunta, che consentirà all’amministrazione di andare avanti nella complessa soluzione dei problemi della partecipata, un atto capace anche di tenere conto del dissesto del Comune di Chieti proclamato nell’ultima seduta di consiglio comunale e di dare seguito alle azioni di concordato su Teateservizi".

Se la delibera verrà approvata, sarà comunicata sia al liquidatore e sia al commissario. "Confidiamo che le singole azioni vengano considerate in modo positivo – continuano Febo e Ferrara – il parere non ci sembra entri nel merito del piano, che, anzi, viene ritenuto valido, come si legge chiaramente nel testo. Per questo noi andremo avanti, nel rispetto delle normative e soprattutto dei lavoratori e dei servizi della partecipata, che, con la delibera, vedrà l’avvio della procedura per la sua trasformazione a società pubblico-privata entro il 31 dicembre 2023, con la cessione del 49% delle quote ai privati e l’affidamento del servizio per gli anni del concordato. L’amministrazione ha manifestato sin dall’inizio la volontà di agire in tal senso, dando formalmente mandato alla struttura di concretizzare atti e procedure per arrivarci nei tempi e modi richiesti. Questo, dopo anni di inerzia da parte di quella politica che, pure avendo governato a lungo la città, non ha proposto soluzioni al problema Teateservizi. Riteniamo che con questa delibera il liquidatore possa essere messo in condizione di valutare e correggere il piano.

Chi parla di incapacità - concludono - confonde i dati tecnici con quelli politici: ma come si fa anche solo a considerare le richieste che arrivano da un’opposizione che non partecipa alle riunioni della capigruppo e che, sistematicamente, davanti a delibere importanti per la vita dell’ente e della città abbandona il consiglio o non vota?”.

Sul dissesto e su Teateservizi si è espresso il consigliere comunale passato a Forza Italia Damiano Zappone: "Entrambi sono stati causati dall’inerzia e dall’incapacità amministrativa dell’amministrazione Ferrara: i dati sono inequivocabili e il polo civico di De Cesare ne è stato complice in tutto e per tutto - commenta - . Non è assolutamente vero che l’amministrazione ha fatto di tutto, addirittura l’impossibile si dice, per evitare il dissesto. Oltretutto questa narrazione è stata sconfessata scientificamente anche dai dati dell’operato dell’amministrazione Ferrara rispetto al piano: l'amministrazione Ferrara ha sempre ricorso, come l’amministrazione Di Primio, sia all’anticipazione di tesoreria sia all’anticipazione di liquidità; la spesa corrente è addirittura aumentata di 2 milioni, la riscossione addirittura è anche peggiorata dell’8,42 % in meno rispetto all’ultimo bilancio di primio del 2019. Comune e Teateservizi potevano e dovevano essere salvati con altri strumenti che la corte dei conti ci ha più volte suggerito e che corrispondevano a quelli che più volte ho ribadito nella mia precedente esperienza in maggioranza.  Per cui il dissesto e il fallimento della Ts sono stati determinati esclusivamente dall’inerzia e dall’incapacità amministrativa del sindaco Ferrara e della sua maggioranza e il polo civico del vice sindaco De Cesare ne è stato complice in tutto e per tutto. Farebbero bene dunque piuttosto a chiedere scusa alla città e ai cittadini per i danni che gli hanno arrecato e a dimettersi per manifesta incapacità". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva in consiglio la delibera su Teateservizi: verso la trasformazione a società pubblico-privata

ChietiToday è in caricamento