Economia

Rimborso pensioni, oltre duecento ricorsi in provincia di Chieti

L'incontro a Vasto il 18 novembre. Sono quasi 10 mila i ricorsi presentati in tutta Italia attraverso Rimborsopensioni.it. Più di 350 i pensionati aderenti in Abruzzo, di cui oltre 200 solo nella provincia di Chieti, 7 i tribunali italiani che attendono già la nuova sentenza della Corte Costituzionale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Sono oltre 6 milioni i pensionati italiani in attesa di rimborso: l'iniziativa Rimborsopensioni.it ha già presentato oltre 10 mila ricorsi in tutta Italia, dei quali più di 350 sono di pensionati residenti in Abruzzo e oltre 100 a Vasto (in tutta la provincia di Chieti sono oltre 200) ed è in preparazione una nuova ondata di ricorsi collettivi cui sarà possibile aderire fino al 31 dicembre 2016. Ha diritto a chiedere il rimborso degli arretrati e la rivalutazione della pensione qualunque pensionato con un trattamento minimo di 1.450 euro lordi al mese, pari a circa 1.100 euro netti.

Se ne parla venerdì 18 novembre alle ore 11 a Vasto, presso Il Teatro della Scuola Cattolica Paritaria Madonna dell' Asilo, via Madonna dell'Asilo, 13. Interverranno Silvia Malandrin, responsabile progetto Rimborso Pensioni e l'Avvocato Pietro Frisani, a capo dello staff legale di Rimborsopensioni.it.

Sono sette i tribunali che a oggi hanno accolto i ricorsi presentati dai pensionati italiani che contestano la costituzionalità del decreto Poletti (e molti ricorsi sono ancora in attesa di sentenza): i tribunali di Brescia, Milano, Palermo e Genova, oltre alla Corte dei Conti per l'Emilia Romagna, le Marche e l'Abruzzo. Già nel 2015 la Corte Costituzionale aveva peraltro già emesso una sentenza di incostituzionalità del blocco della rivalutazione deciso dal governo Monti.

"La Corte Costituzionale aveva già riconosciuto ai pensionati il diritto alla rivalutazione della loro pensione per gli anni 2012 e 2013 ma il decreto Poletti, di fatto, ha disconosciuto questa sentenza", commenta a questo proposito Silvia Malandrin di Rimborsopensioni.it. "Grazie al nostro intervento e alla decisione di sette tribunali italiani la Corte Costituzionale si esprimerà una seconda volta su una questione che era già stata definita".

Dal punto di vista tecnico, il ricorso consiste nella richiesta al giudice competente di ritenere la non manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell'art 1 comma 1 del d.l. 65/2015, convertito in legge n. 109/2015, e di rinviare la causa alla Corte Costituzionale. Qualora la Consulta dichiari l'illegittimità costituzionale della norma, il giudizio sarà praticamente vinto e si avrà diritto alla ricostituzione della pensione secondo i parametri precedenti al decreto Renzi.

Visitando la piattaforma web www.rimborsopensioni.it è possibile aderire all'iniziativa e scaricare la documentazione utile per presentare ricorso.

RIMBORSOPENSIONI.IT

Rimborsopensioni.it è un'iniziativa di G.C.P. Gestione Crediti Pubblici che, avvalendosi della consulenza legale dello Studio Legale Frisani, ha lo scopo di far restituire ai pensionati quanto spetta loro a seguito della dichiarazione di incostituzionalità dell'articolo 24, comma 25 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201 da parte della Corte Cost. con sentenza n° 70 del 30/04/2015, attraverso ricorsi cumulativi di almeno 50 aderenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimborso pensioni, oltre duecento ricorsi in provincia di Chieti

ChietiToday è in caricamento