Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia Centro Storico / Via Arniense

Diminuiscono i parcheggi davanti alla ex pescheria: ora i posti non sono più "a spina di pesce"

La decisione dell'amministrazione, con l'obiettivo di rendere più sicuro il tratto di via Arniense ed evitare gli ingorghi frequenti negli anni. Ma in tanti sono critici

Sta creando non poche polemiche la modifica degli stalli di sosta nel tratto di via Arniense di fronte alla ex pescheria, che da ieri sono stati ridisegnati, cancellando i parcheggi "a spina di pesce" per renderli paralleli alla corsia di marcia

L'obiettivo, spiega l'assessore ai Lavori pubblici Stefano Rispoli, è rendere "la sosta e il transito più agevoli per pedoni e mezzi". 

È capitato spesso, infatti, che a causa di parcheggi selvaggi o mezzi troppo ingombranti per essere posteggiati, autobus o furgoni restassero bloccati nel tratto in questione, creando un ingorgo a catena in tutta la viabilità del centro storico. Spesso, alla municipale non è rimasto che chiamare un carro attrezzi per riuscire a sbloccare la situazione. 

Ora, l'amministrazione ha deciso di cambiare modalità di parcheggio. 

"In passato - aggiunge Rispoli - questa disposizione ha funzionato e ci è sembrato opportuno riproporla. Siamo al lavoro su soluzioni in grado di rendere più fluido il traffico, favorendo anche l’accessibilità alla città oltre che la sosta, sia nella parte alta, che nella zona di Chieti Scalo”.

In tanti, però, non hanno gradito la soluzione predisposta dalla giunta Ferrara. C'è chi controbatte che i pedoni possono transitare in sicurezza sotto i portici e che, dunque, non c'era bisogno di ridisegnare i parcheggi. Critici anche i molti che fanno notare come, con la nuova disposizione, ci sono meno "strisce bianche" per le auto che, com'è noto, sono merce rarissima in centro città, soprattutto in alcuni orari della giornata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diminuiscono i parcheggi davanti alla ex pescheria: ora i posti non sono più "a spina di pesce"

ChietiToday è in caricamento