L'allarme di Confartigianato: "Il 25% delle imprese rischia di scomparire a causa della crisi da Covid-19"

L'appello del direttore Giangiulli alle istituzioni locali e nazionali affinchè sappiano accompagnare la ripresa e favorire le imprese

Gli artigiani e le piccole imprese, dopo il lungo stop dovuto al lockdown, hanno fatto di tutto per ripartire dopo la riapertura ma ora non possono più farcela a soli.

A lanciare l'allarme è il direttore generale di Confartigianato Chieti L'Aquila, Daniele Giangiulli.

"Il 25 per cento delle imprese del territorio rischia di scomparire a causa della crisi da Covid-19. A partire da settembre dovremo rimboccarci le maniche, perché c'è un'economia da ricostruire. Ci saranno le scadenze fiscali e riprenderà il pagamento delle rate di mutui e finanziamenti. Tutto questo mentre le imprese a stento sono riuscite a ripartire. Dalla politica ci aspettiamo non annunci e slogan, ma misure concrete, strumenti che favoriscano realmente la ripresa. E' necessario che sia fatto tutto il possibile, perché la posta in gioco è troppo alta".

Giangiulli, che è membro del Comitato tecnico scientifico della Regione Abruzzo, rilancia le proposte avanzate nell'ambito dell'organismo istituito proprio per contribuire alla ripresa dell'economia locale. Sul fronte del credito, ad esempio, "esiste un gap significativo tra domanda e offerta di credito. In questa fase di grave crisi - osserva - la Regione Abruzzo ha promosso e può continuare a promuovere diverse iniziative volte a favorire l’accesso di liquidità alle imprese in crisi, tra cui garanzie per il sostegno di capitale circolante, per il sostegno della moratoria dei debiti alle imprese, per la concessione di prestiti a medio e lungo termine o fondo perduto, oltre alla concessione di contributi per l'abbattimento dei tassi di interesse e di contributi a fondo perduto per imprese operanti negli esercizi turistici, artigianali, commerciali,  industriali e ai lavoratori autonomi che hanno sospeso l’attività nel periodo marzo-aprile 2020".

Se, per il direttore di Confartigianato, sul fronte lavoro "c'è da lavorare sui contratti a termine, dando certezze alle imprese affinché rinnovino quelli in scadenza o ne facciano di nuovi, e sull'occupazione femminile, il cui valore in Abruzzo è di gran lunga inferiore ai paesi europei più avanzati", per quanto riguarda il turismo, "considerati i danni gravissimi provocati dall'emergenza, bisognerebbe contenere la perdita di produzione, ridurre i costi aziendali, rilanciare il settore e  salvaguardare i livelli occupazionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento