We have a dream...al Comprensivo 1 di Chieti il laboratorio di robotica educativa e crowdfunding

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Il Comprensivo 1 Chieti, diretto dalla prof.ssa Serafina D’Angelo, che ormai da anni si confronta con la sfida di introdurre in modo sapiente la tecnologia nelle sue scuole, parte con una nuova avventura: la realizzazione di un laboratorio di robotica educativa. Il Progetto è stato ritenuto valido dal Ministero della Pubblica Istruzione, che in collaborazione con Fastweb ha deciso di finanziarlo. Martedì 27 marzo alle ore 19 presso l’Auditorium “Chiarini” verrà presentato il progetto ai genitori dell’intero Comprensivo 1, ma sono previste ulteriori occasioni e incontri per diffondere e pubblicizzare tutto il lavoro e la partenza del LRE.

Già dalla scuola primaria ai ragazzi viene fatto scoprire “il linguaggio delle cose”, dicendo che ogni oggetto è programmabile utilizzando il suo proprio linguaggio. In questa fase ai ragazzi viene chiesto di inventare un oggetto innovativo (ad es. un ombrello che si apre da solo quando piove).E’ possibile far crescere questi sogni nella scuola secondaria di primo grado attraverso l’acquisizione di competenze digitali nell’ambito della robotica, fino a far realizzare ai ragazzi l’idea avuta nella scuola primaria al termine del primo ciclo di istruzione (ad es. utilizzando Arduino o BBC micro:bit e un sensore di umidità che controlla alcuni motori elettrici passo-passo capaci di aprire l’ombrello solo in presenza di una certa percentuale di umidità dell’aria).

L’idea di realizzare presso la scuola secondaria di I grado“G. Chiarini” - “C. De Lollis” un laboratorio di robotica educativa (LRE), afferma il docente di tecnologia e componente dello staff digitale della scuola, il Prof. Giovanni Cielo, prende le mosse dalle Indicazioni nazionali per il curricolo dove, tra gli obiettivi di apprendimento al termine della classe terza, troviamo: “programmare ambienti informatici e elaborare semplici istruzioni per controllare il comportamento di un robot”; ma è anche sostenuto dalle forti e documentate valenze inclusive per gli alunni BES e DSA; dalla sempre maggiore richiesta del mondo del lavoro di figure professionali capaci di progettare e realizzare robot; dalla volontà di rendere la scuola secondaria di I grado “G. Chiarini” - “C. De Lollis” un vero e proprio punto di riferimento nel territorio per il raggiungimento di competenze digitali e tecnologiche dei propri studenti. Si intende quindi realizzare un LRE che comprenda:un’aula attrezzata con n. 15 PC di ultima generazione, una LIM, n. 30 postazioni adatte a lavori di robotica. Si vuole inoltre realizzare una web TV per documentare le attività nel LRE, trasmettere le lezioni di robotica all’interno dell’istituto e costruire una banca dati di buone prassi. La realizzazione del progetto prevede un cofinanziamento della scuola e dei privati e per questo si rende necessario diffondere e sensibilizzare innanzitutto i genitori dell’intero Comprensivo 1, affinché comprendano la portata innovativa ed educativa dell’iniziativa e quindi vi corrispondano offrendo il loro contributo a partire da 5 euro. “Naturalmente”, aggiunge la Vicepreside, prof.ssa Maria Antonella Proia, “l’invito a collaborare è esteso a tutta la città e non solo. Abbiamo coinvolto tutte le realtà vive del territorio e abbiamo comunicato e illustrato la nostra iniziativa alle Associazioni artigianali e industriali, nonché abbiamo contattato personalmente Aziende ed Imprese che possano guardare con interesse il progetto ambizioso, in quanto il futuro lavorativo ed imprenditoriale, nell’immediato, contempla necessariamente la formazione di giovani che posseggano queste competenze; ovviamente esse avranno un ritorno in pubblicità e diffusione per i loro marchi e per le loro aziende. Confidiamo che tutti possano comprendere e scommettere sull’importanza e sul valore di questa iniziativa aiutandoci a realizzare il nostro sogno.

I più letti
Torna su
ChietiToday è in caricamento