Ragazzini terribili generano il caos in piscina, intervengono i carabinieri

Un gruppo di 15enni ha fatto degenerare l'ultimo pomeriggio di apertura, spingendo in acqua un addetto che li aveva rimproverati

Dopo una stagione di presenze e successi, l'estate dello stadio del nuoto di Chieti si è chiusa con un pomeriggio movimentato, al punto che in via Maestri del lavoro sono dovuti intervenire i carabinieri della vicina caserma.

Un gruppo di ragazzi sui 15 anni si è riunito nell'impianto per un pomeriggio di divertimento, ben preso degenerato in vandalismo. A un certo punto, i ragazzini sono saliti tutti insieme sullo scivolo, che può ospitare soltanto una persona alla volta.

Un addetto della struttura si è avvicinato al gruppetto per rimproverare i ragazzi e invitarli a scendere, ma non è servito a nulla, anzi è stato spinto in acqua. Così, il consigliere comunale Marco Di Paolo, presente alla scena, ha allertato i carabinieri, che sono arrivati immediatamente. Soltanto alla vista dei militari, i ragazzi terribili si sono calmati, abbandonando l'impianto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Torna su
ChietiToday è in caricamento