Treglio, processo per i gestori della Gct e del Sansificio Vecere

Processo per i vertici Gct e sansificio, il Comune parte civile. "Permessi inesistenti o insufficienti ed emissioni oltre i limiti, – dice il sindaco Berghella - una situazione che si è protratta a lungo e a cui la magistratura per fortuna ha dato lo stop"

A processo i gestori della centrale a biomasse e del sansificio di Treglio. Lo rende noto il sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella.”Nei giorni scorsi – dice il primo cittadino – abbiamo richiesto e ottenuto copia conforme di tutto il fascicolo inerente l’inchiesta sugli impianti. Duemila pagine…”. Entro le quali contenuto anche il decreto di citazione a giudizio emesso dal pubblico ministero, Francesco Menditto, nei confronti di Enrico e Antonio Vecere. I due dovranno comparire in aula, per il processo, il 16 novembre prossimo, per reati ambientali. Parti offese il ministero dell’Ambiente e il Comune di Treglio. “Che – afferma il sindaco – si costituirà parte civile”. 

Antonio Vecere, legale rappresentante della Gestione Calore Treglio srl, è accusato di aver installato la centrale a biomasse di località Paglieroni, “in assenza delle prescrita autorizzazione (a bruciare rifiuti), da rilasciare per capacità superiore a 10t/giorno, ovvero della procedura di Via per capacità superiore a 100 t/giorno”. Inoltre, pur in possesso di autorizzazione che consentiva di bruciare combustibili “bruciava rifiuti rappresentati dalla sansa di oliva prodotta dal Sansificio Vecere srl di cui non veniva attestata la conformità” e bruciava rifiuti diversi da quelli previsti progettualmente”. Inoltre “consentitva il trasporto e lo smaltimento delle ceneri senza autorizzazione”. 

Enrico Vecere, legale rappresentante del Sansificio Vecere srl, impianto per l’estrazione e la raffinazione degli oli di sansa e di oliva, “dopo aver prodotto ceneri qualificabili come rifiuti non pericolosi ne consentiva il trasporto e lo smaltimento senza la prescritta autorizzazione” e “non rispettava le prescrizioni previste, producendo emissioni di monossido di carbonio non consentite”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Permessi inesistenti o insufficienti ed emissioni oltre i limiti, – dice il sindaco Berghella - una situazione che si è protratta a lungo e a cui la magistratura per fortuna ha dato lo stop. Adesso gli impianti sono chiusi perché sotto sequestro, sigillati dalla Procura. I titolari più volte ne anno richiesto il dissequestro ma è stato loro negato. Il Comune – evidenzia ancora il sindaco – è in prima linea ora per la salvaguardia e la tutela della salute dei cittadini e della qualità della vita e dell’aria in paese. I proprietari del sansificio e della centrale stanno facendo di tutto per riaprire e bypassare talune lacune, chiedendo alla Provincia ad esempio la modifica non sostanziale dell’impianto. Noi ci siamo opposti e ci opporremo. Abbiamo avuto anche colloqui con i vertici dell’Ispra (Istituto superiore per la ricerca e la tutela ambientale) per capire come meglio agire e tenere sotto controllo la faccenda. Vogliamo capire anche qual è l’atteggiamento dell’Arta. Il nostro obiettivo è di giungere alla delocalizzazione degli impianti”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento