Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Viale Cappuccini

Cerca di togliersi la vita lanciandosi dal quarto piano davanti alla famiglia: salvato da due poliziotti

L'episodio ieri sera, a Lanciano, in un condominio di viale Cappuccini: stamani il questore Gargano è arrivato al commissariato per congratularsi con i due "angeli" gli assistenti capo Paolo Gemma e Mauro Simigliani

Il questore Gargano (al centro) con i due agenti "eroi"

Terrore, ieri sera, a Lanciano, in viale Cappuccini, nella zona di San Pietro, dove un uomo di 46 anni ha tentato di togliersi la vita lanciandosi dal balcone del suo appartamento, al quarto piano.

Fortunatamente, la tragedia è stata sventata grazie all'intervento di due agenti del commissariato, che sono riusciti a salvargli la vita, rischiando a loro volta di precipitare nel vuoto e procurandosi anche lievi lesioni. 

Un salvataggio al cardiopalma, ma fortunatamente a lieto fine, per cui il questore di Chieti Annino Gargano, stamani, è arrivato in città per congratularsi, insieme alla dirigente del commissariato Lucia D'Agostino, con gli assistenti capo Paolo Gemma e Mauro Simigliani, che si sono lanciati senza paura sull'uomo per farlo desistere dal gesto estremo.

L'allarme, ieri, è scattato poco prima delle 20, quando i familiari del 46enne hanno allertato il 113, chiedendo aiuto perché questi minacciava di togliersi la vita. 

Nel giro di pochissimi minuti, nell'abitazione di viale Cappuccini sono arrivati, oltre ai poliziotti, il 118 e i vigili del fuoco. All'arrivo delle forze dell'ordine, l'uomo ha scavalcato il balcone, cercando di gettarsi nel vuoto. Fortunatamente, gli agenti sono stati più rapidi, lo hanno afferrato dai pantaloncini prima che cadesse, riuscendo a trarlo in salvo. Una manovra non così facile, considerata la corporatura robusta del 46enne, tanto che gli agenti hanno riportato lievi lesioni, curate al pronto soccorso con una prognosi di 7 giorni. 

Subito dopo il salvataggio, i sanitari del 118 hanno sedato l'uomo, che è stato portato all'ospedale Renzetti e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.

"Salvare una vita umana è stata una bella cosa - ha detto il questore Gargano - perché la polizia deve tutelare i cittadini in ogni modo. Sono venuto personalmente per tributare i miei complimenti ai colleghi che sono giunti sul posto trovando una situazione di alta tensione e i familiari terrorizzati. Durante il salvataggio tutti e tre sono stati in bilico col rischio caduta dal quarto piano: una volta ripreso l'uomo è caduto di peso sugli agenti procurando loro delle lesioni, 7 i giorni di prognosi, curate al pronto soccorso. Per me era un dovere morale e istituzionale ringraziarli perché si sono adoperati senza indugio per salvare l'uomo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di togliersi la vita lanciandosi dal quarto piano davanti alla famiglia: salvato da due poliziotti

ChietiToday è in caricamento