Operazione Tallone d'Achille: giovanissimi facevano il pieno di droga prima delle notti in discoteca

Dalle indagini è emerso inoltre che l'organizzazione stava pensando a una "tessera fedeltà" per i clienti fissi, con una dose omaggio ogni 10 acquistate

I clienti più fedeli si rivolgevano ai pusher scalini anche prima delle trasferte del divertimento, per fare il pieno di droga prima di andare a divertirsi nei locali della Romagna. È uno degli aspetti emersi nel corso dell'operazione "Tallone d'Achille", l'indagine che pochi giorni fa ha portato all'arresto di 17 persone e all'obbligo di dimora per altre 8.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, gli spacciatori dovevano soddisfare le richieste di molti giovani in trasferta a Riccione per passare la notte in discoteca. Un'abitudine che aveva addirittura spinto all'idea di una sorta di "tessera fedeltà" per i clienti fissi, con un "omaggio" ogni dieci acquisti di stupefacente. 

Le cessioni avvenivano perlopiù nella zona dello Scalo, dove ci si poteva muovere a piedi, evitando di essere fermati dalle forze dell'ordine. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • La Nottata lancianese e la notte bianca dello Scalo: il programma del weekend

  • Piante di marijuana alte due metri lungo il fiume Pescara: arrestati padre e figlio

  • Lanciano, aggredito da sei coetanei. Il papà: "Rischia di perdere un occhio"

  • Francavilla al Mare, cane salva padrona dalla furia dell’ex: ora cerca casa

Torna su
ChietiToday è in caricamento