Cronaca

Strade provinciali tra abbandono e degrado. I sindacati: "Basta far finta di nulla"

Cisl e Uil chiedono di intervenire con una lettera indirizzata a Prefetto e presidente della Provincia

A seguito delle lamentele da parte degli operatori di esercizio delle imprese private e pubbliche, Cisl e Uil hanno inviato una lettera a Prefetto e presidente della Provincia perchè si risolvano le condizioni deficitarie delle strade provinciali.

Allo stato attuale, le strade presentano difformità e buche sul manto stradale, e in diversi punti una folta vegetazione con restringimento della carreggiata, sporgenza di rami che la invadono causando problemi con i limiti di sagoma dei mezzi con la ulteriore riduzione della visibilità. 
Da diverso tempo, i mezzi che vengono utilizzati per il servizio di trasporto pubblico locale, sono interessate a varie rotture di specchi e lesioni ai cristalli per 1 urto con la vegetazione sporgente; lesioni a parti meccaniche in particolar modo nei componenti delle sospensioni, e sollecitazioni dei componenti interni che si allentano ripetutamente per le forti vibrazioni causate dalle buche, nonostante le velocità siano moderate al punto tale da richiedere un riadeguamento degli orari di percorrenza dato che in alcuni punti si è costretti a ridurre a passo d'uomo la marcia. Siamo preoccupati, per come la situazione inerente lo stato delle strade peggiori di giorno in giorno, con la continua formazione di buche e avvallamenti che si verificano per lo più dopo le giornate di maltempo; nella piena coscienza di lavorare con autobus che hanno una certa anzianità di servizio, a cui teniamo, perché sono i nostri strumenti di lavoro, nonché mezzi di trasporto per i cittadini abruzzesi, le condizioni stradali, non permettono di effettuare un servizio in piena sicurezza, sia per i conducenti che per gli utenti.

I disagi oltre che per l'utenza interessano anche gli operatori

Infatti i conducenti, da tempo lamentano problematiche di salute in cui sono costretti ad abbandonare la mansione di autista, per i forti mal di schiena , causato dalle formazioni di ernie che si manifestano sulla spina dorsale. La sindrome del mal di schiena, è una patologia di cui i conducenti ne soffrono, e che diversi studi hanno anche dichiarato che la formazione di ernie, sono dovute soprattutto alle sollecitazioni, vibrazioni che la schiena è assoggettata durante la marcia del mezzo. Quindi le famose buche, non sono di certo un toccasana; da diverso tempo si continuano a verificare un numero sempre più crescente di Operatori di Esercizio inidonei alla guida. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strade provinciali tra abbandono e degrado. I sindacati: "Basta far finta di nulla"

ChietiToday è in caricamento