menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo sport entra in carcere a Chieti: il progetto del Coni

Pallavolo, calcetto, ginnastica a copro libero sotto la guida degli istruttori professionali. Firmato in carcere a Chieti un protocollo di intesa della durata di tre anni per attivare percorsi di pratica sportiva e formativa

Firmato il protocollo d’intesa fra Coni e casa circondariale di Chieti e presentato il progetto Sport in carcere. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a Madonna del Freddo, sono state illustrate le attività sportive che da subito coinvolgeranno i detenuti e le detenute: calcio a 5 e ginnastica per gli uomini, allenamenti e tornei di pallavolo più ginnastica a corpo libero per le donne. Con i gruppi ci saranno gli istruttori professionisti Alessandra D’Alimonte ed Ennio Mariannetti e Maria Rosaria Di Gregorio. 

“Lo sport ha una grande rilevanza sotto molteplici aspetti: quello della salute, e del rigore nello stile di vita molto importante soprattutto per chi ha avuto esperienze di tossicodipendenza – ha sottolineato la direttrice del carcere Giuseppina Ruggero -  Il problema riguarda gli spazi adibiti negli istituti più datati come il nostro ma ho potuto contare sul prezioso contributo del comandante Di Bartolomeo e della dottoressa Raciti che hanno saputo individuare le aree adattabili all’attività sportiva e in particolare al corpo libero e al calcio a 5".

In carcere molte patologie come le malattie cardiovascolari o il diabete trovano terreno fertile. Colpa anche di un cattivo modo di alimentarsi, del fumo, del lasciarsi andare. Per questo il Coni ha previsto anche delle lezioni sulle corrette abitudini alimentari e sul primo soccorso. Il Coni inoltre, come ha sottolineato il delegato Milozzi, si impegnerà a fornire le attrezzature e l’abbigliamento a tutti i partecipanti.

Nel corso dell’incontro sono intervenuti anche i detenuti presenti come Mimmo, che ha ricordato l’importanza dell’attività fisica: “Quando sono entrato pesavo 140 chili – ha raccontato - e mi sono reso conto che dovevo fare qualcosa per il mio benessere.  Così ho cominciato a muovermi svolgendo quotidianamente corsa, flessioni, esercizi alla sbarra riuscendo a perdere ben 45 chili. Oggi sto davvero bene grazie allo sport che mi  aiuta anche a scaricare le tensioni e a dormire meglio. Sicuramente ci vorrebbero più spazi per l’attività sportiva come una piccola palestra”.

L’obiettivo del Coni, come ha riferito il presidente regionale Imbastaro, ora è allargare l’iniziativa al maggior numero di carceri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento