menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Incidente ferroviario con 100 fra morti e feriti, ma sarà un'esercitazione

L'esercitazione, in programma domenica mattina, si svolgerà nell'area del deposito ferroviario della Sangritana, in località Torre della Madonna. Serve a testare la rete di emergenza

Simulazione di un disastro ferroviario, domenica, a Lanciano, per testare l'efficacia e l'efficienza dell'intera macchina dei soccorsi in occasione di così gravi sciagure. L'esercitazione, in programma dalle ore 8.30, prevede un incidente con oltre 100 tra morti e feriti e si svolgerà nell'area del deposito ferroviario della Sangritana, in località Torre della Madonna. L'iniziativa rientra nelle iniziative previste dal Piano delle maxi emergenze sanitarie, approvato dalla giunta regionale lo scorso maggio e tra i primi in Italia.

Alle ore 9, sarà simulato un incidente ferroviario tra un treno passeggeri e un convoglio merci che trasporta materiale infiammabile. All'impatto seguiranno un'esplosione e un incendio, con colonne di fumo visibili a grande distanza. A dare il primo allarme sarà la Centrale soccorsi della Sangritana, che allerterà i vigili del fuoco, i quali a loro volta faranno partire la catena dei soccorsi. Nell'area convergeranno almeno 4 squadre, che spegneranno il rogo e metteranno in sicurezza la zona. A quel punto sarà montato un Pma (presidio medico avanzato) per i feriti e un modulo Nbcr (nucleare, biologico, chimico, radiologico), per monitorare i rischi ambientali dell'incidente. All'interno del presidio medico saranno trasportati i feriti, che verranno poi trasferiti (con 4 elicotteri e le ambulanze di tutti e 4 i servizi 118 della regione) nei diversi ospedali abruzzesi a seconda della gravità e della complessità delle condizioni. Da Roma arriveranno, inoltre, 2 mezzi speciali (presenti solo in Italia) attrezzati per l'identificazione delle vittime attraverso l'esame immediato del Dna. E ci sarà, infine, una speciale unità cinofila per rintracciare i dispersi. Un'operazione imponente, una delle più complesse organizzate finora nel Paese, con la presenza di centinaia di figuranti e l'interazione tra personale sanitario, forze dell'ordine, vigili del fuoco, prefettura, Comuni e associazioni di volontariato.

La simulazione è aperta al pubblico, ma chi volesse partecipare dovrà raggiungere il deposito ferroviario entro e non oltre le ore 8.30, perché subito dopo l'area sarà interdetta al transito. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento