rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Lanciano

Lanciano, sequestro madre e figlia e rapine: responsabile chiede scusa alle vittime

Il 28enne, ai domiciliari in una struttura di recupero per tossicodipendenti, è stato condannato dal gup con rito abbreviato. A ognuna delle sue vittime ha scritto una lettera di scuse

E' stato condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione per sequestro di persona a rapina a mano armata M.I., il 28enne di Lanciano che lo scorso 24 febbraio sequestrò una mamma di 30 anni che era in macchina con la figlia di 2 mesi, in attesa che il marito uscisse dalla farmacia.

Le due vittime vennero tenute in ostaggio per due ore, sotto la minaccia di una pistola e solo dopo un lungo giro in auto l'uomo rilasciò gli ostaggi facendosi prima consegnare dalla donna 50 euro.

Arrestato dopo due settimane, M.I. nel frattempo aveva anche messo a segno due rapine nel frentano: la prima all'interno di un supermercato di Frisa dove arraffò 80 euro dalla cassa dopo aver puntato una pistola contro la cassiera e la borsetta di una signora, l'altra quando rubò un'auto. Per questi uliimi tre ultimi reati in continuazione è stato condannato ad altri 3 anni di reclusione.

L'uomo, che ora si trova ai domiciliari in una struttura per recupero tossicodipendenti, ha scritto a tutte le vittime una lettera di scuse. Per ora deve averlo perdonato solo la sola donna sequestrata con la figlia, visto che non ha chiesto alcun risarcimento danni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lanciano, sequestro madre e figlia e rapine: responsabile chiede scusa alle vittime

ChietiToday è in caricamento