menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Comprano online fuochi d'artificio vietati dalla legge per festeggiare il Capodanno, ma scatta il sequestro

La polizia ha individuato i 24 ordigni chiamati "New rambo" che due giovani teatini volevano esplodere mettendo a rischio loro stessi e gli altri

Avevano comprato su Internet fuochi d'artificio proibiti dalla legge, per usarli nella notte di Capodanno. Ma, quando il corriere glieli ha consegnati, due giovani teatini sono stati scoperti dagli agenti della squadra mobile della questura di Chieti, che la sera del 30 dicembre, insieme al nucleo artificieri della polizia, hanno sequestrato il materiale.

In particolare, sono stati trovati e sottoposti a sequestro 24 ordigni chiamati New Rambo, potenzialmente molto pericolosi poiché appartenenti alla categoria degli esplosivi classificati “F4”, del tipo che non possono essere venduti o detenuti liberamente essendo necessario, per il loro acquisto, il possesso di porto d’armi o la specifica abilitazione professionale.

In più, vista la loro pericolosità, in nessun caso possono essere venduti e consegnati tramite corriere. 

L’esplosione accidentale o non controllata di tali ordigni può determinare gravissime lesioni personali, causando la perdita di arti e di funzioni vitali.  

L'attività, disposta dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Savona e coordinata su tutto il territorio nazionale da quella questura, ha riguardato 58 province ed è sfociata nel sequestro complessivo di oltre 300 chilogrammi di materiale esplodente, tutto acquistato via internet. 

I due giovani teatini, al momento, non sno indagati, in attesa dell’esito degli accertamenti relativi alla effettiva provenienza e fabbricazione degli esplosivi. Il materiale sequestrato dovrà essere distrutto a cura del nucleo artificieri della polizia di Stato, secondo le modalità di legge. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento