Cronaca Atessa

Scontri tra Sevel e Fiom, si profila un altro anno duro

Dopo che un Rsa della Fiom è stato multato per un lavoro mal eseguito, è ancora polemica tra l'azienda e la sigla sindacale. Rifondazione Comunista interviene in difesa degli operai dello stabilimento di Atessa

Che anno sarà, il 2013, per i lavoratori della Sevel? Se lo chiede Rifondazione Comunista, anche alla luce di quanto avvenuto nei giorni scorsi presso lo stabilimento di Atessa. RC, infatti, riferisce che la Sevel ha multato un operaio per un lavoro, a suo dire, mal eseguito. Il lavoratore soggetto a tale provvedimento è iscritto alla Fiom (sindacato che già da tempo è in rotta con la Sevel) ed è Rsa di fabbrica.

"Sarà un caso?", si chiede il partito, che specifica: "Sevel non accusa il lavoratore di aver appositamente eseguito male il suo lavoro o di aver colpevolmente danneggiato i furgoni prodotti. Con tali motivazioni la Sevel avrebbe potuto, a norma di legge, comminare sanzioni. Ma queste sarebbero state, molto probabilmente, poco esemplari (la multa non sarebbe potuta essere di importo superiore a 4 ore di retribuzione) e avrebbe dovuto seguire il ben più lungo iter previsto per i provvedimenti disciplinari".

Rifondazione, dunque, considera "molto grave l'’atteggiamento che la Sevel ha assunto  nei confronti dell'’Rsa Fiom, che si inserisce nel quadro di rapporti tra azienda e lavoratori sempre più caratterizzati da arroganza da parte aziendale. Quando anche le telecamere saranno installate in fabbrica, grazie agli accordi che Cisl e Uil hanno firmato con Federmeccanica, il controllo asfissiante da Grande Fratello sarà pieno e la capacità intimidatoria aziendale ancora maggiore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri tra Sevel e Fiom, si profila un altro anno duro

ChietiToday è in caricamento