menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scavi abusivi nel Parco Nazionale della Majella: sequestrata cava a Rapino

La ditta estraeva materiale roccioso e terreno in una zona non ricadente in quella autorizzata, deferito il legale rappresentante

RAPINO - Il Corpo Forestale dello Stato ha sottoposto a sequestro preventivo, su disposizione del gip del Tribunale di Chieti, un’area di circa due ettari  in località “Passo Palogno” a Rapino, dove era in corso un’abusiva attività di disboscamento ed escavazione. La ditta proprietaria, autorizzata con provvedimento della Regione Abruzzo al solo recupero morfologico e definitivo dell’area di cava, stava invece estraendo materiale roccioso e terreno in una zona non ricadente in quella autorizzata. Il legale rappresentante è stato deferito all’autorità giudiziaria per i reati di opere eseguite in assenza di autorizzazione paesaggistica e nulla osta dell’Ente Parco e distruzione e deturpamento di aree sottoposte a protezione.

Il personale dei Comandi Stazione Forestale di Pretoro e di Fara Filiorum Petri, dopo vari appostamenti e rilievi tecnici ha preso atto del vero e proprio scempio che si stava combinando ai danni dell’ambiente e sulle bellezze paesaggistiche. Lo sconfinamento dei lavori con evidente modificazione, distruzione e alterazione del territorio, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, ha peraltro interessato anche una parte di territorio compresa nei confini del Parco Nazionale della Majella.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento