menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ryanair resta in Abruzzo, parte della copertura finanziaria dalla Regione

Lo ha confermato oggi (mercoledì 3 agosto) Michael O’Leary, ad della compagnia aerea irlandese, nel corso della riunione con il presidente della Regione Luciano D’Alfonso, il ministro Graziano Delrio, il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini e il presidente della regione Sardegna Francesco Pigliaru

Ryanair resta in Abruzzo, dopo lo stop all’aumento della tassa di imbarco. Lo ha confermato oggi (mercoledì 3 agosto) Michael O’Leary, ad della compagnia aerea irlandese, nel corso della riunione con il presidente della Regione Luciano D’Alfonso, il ministro Graziano Delrio, il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini e il presidente della regione Sardegna Francesco Pigliaru. 

Intanto lo stesso D’Alfonso annuncia che una parte della copertura finanziaria arriverà dalla Regione: “Domani - dice - in giunta promuoveremo un bando per la collocazione turistica dell’Abruzzo”. 

Soddisfazione per l’esito della vicenda arriva dal presidente di Confartigianato Abruzzo Luca Di Tecco, che invoca a partire da questo per “il rilancio del territorio e del sistema turistico abruzzese”. Ogni anno, Ryanair fa viaggiare da e per l’Abruzzo 560mila persone, generando un fatturato di 800mila euro al giorno per imprese e attività del territorio. 

“Con la possibilità di un addio da parte della compagnia - aggiunge il presidente - le sorti dello scalo erano incerte. Ora possiamo tirare un sospiro di sollievo, ma da domani bisogna mettersi al lavoro e rimboccarsi le maniche: è necessario innalzare il livello della discussione e potenziare il sistema turistico regionale nel suo complesso”. E lancia un appello per il potenziamento della Saga, “non soltanto dal punto di vista economico, ma anche qualitativo, collaborando con le associazioni, tra cui Confartigianato. Ribadiamo infatti la disponibilità ad offrire gratuitamente il nostro centro studi ed i nostri manager per trovare una soluzione che consenta di rilanciare lo scalo, le cui potenzialità sono enormi”. L’auspicio è anche anche Alitalia confermi la sua presenza all’aeroporto d’Abruzzo.

E sulla vicenda intervengono anche i consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri, che auspicano sia una risoluzione definitiva e non “solo fino al 31 dicembre 2016”. Ma, aggiungono, “preoccupa l’appello del presidente D’Alfonso rivolto ai parlamentari abruzzesi, affinché lavorino perché l’aumento delle tasse aeroportuali venga scongiurato anche per il 2017 e il 2018. Quindi tutto risolto ma fino a quando? La tassazione è stata infatti abolita fino al 31 dicembre e poi cosa succederà?”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento