rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

Crac Angelini: i soldi di Villa Pini nelle banche delle Antille Olandesi?

Ripreso il processo a Chieti con un colpo di scena. Angelini, unico presente in aula, ha smentito l'esistenza di rapporti con le Antille parlando solo dell'acquisto di una barca. I pm chiedono l'ammissione di nuove prove

Sarebbero finiti nelle banche delle Antille Olandesi i cento milioni di euro provenienti dalla bancarotta fraudolenta dell'ex gruppo Villa Pini. E' quanto ha sostenuto oggi (7 maggio 2014) l'accusa nei confronti dell'imprenditore Enzo Angelini, al processo sul crac del gruppo ripreso in Tribunale a Chieti.

Con Angelini, unico presente in aula oggi, sono imputati la moglie Anna Maria Sollecito, la figlia Chiara e tre ex componenti del collegio sindacale di Villa Pini.

Il pm Giuseppe Falasca con il procuratore capo Pietro Mennini ha chiesto al giudice l'apertura di un procedimento a carico di Marco Rovella, commercialista di Angelini, per concorso in bancarotta fraudolenta. Sull'ammissione di nuove prove chiesta dai pm, il Tribunale si è riservato di decidere all'esito dell'istruttoria.

Angelini intento fuori dall'aula ha smentito l'esistenza di un filone Antille, spiegando che l'unico rapporto con quel territorio è una barca acquistata nei primi anni '90.

La prossima udienza è stata fissata al 20 giugno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crac Angelini: i soldi di Villa Pini nelle banche delle Antille Olandesi?

ChietiToday è in caricamento