Cronaca

Più multe ai padroni di cani che sporcano, il ricavato andrà al canile rifugio

Il consiglio comunale ha approvato l'ordine del giorno di Marzoli, che prevede di usare i proventi delle sanzioni per la struttura di Vallepara e per la manutenzione dell'area di sgambamento

Più controlli e sanzioni ai padroni di cani che non puliscono, o che portano a spasso i loro amici a quattro zampe senza paletta e sacchetti, in modo da destinare i fondi al canile comunale Achille Bonincontro e alla manutenzione dell'area di sgambamento. Lo ha deciso il consiglio comunale, accogliendo l'ordine del giorno presentato da Alessandro Marzoli (Pd). 

Nel documento, si chiedeva un'intensificazione dei controlli da parte degli agenti della polizia municipale, in modo da elevare contravvenzioni a chi non rispetta il regolamento comunale. La norma prevede infatti, per gli accompagnatori degli animali di affezione, l'obbligo di pulire immediatamente strade e marciapiedi in caso di bisogni dei loro cani.

Tutti i proventi ottenuti dalle multe verranno destinati a beneficio della pulizia e della manutenzione dell’unica area di sgambamento oggi disponibile in città e soprattutto a sostegno del canile comunale, che vive grazie all'eccezionale lavoro quotidiano di associazione Asada e volontari, ma necessita di maggiore attenzione e risorse.

"Questo risultato - commenta Marzoli - sarà utile a correggere i comportamenti dei proprietari di animali meno attenti e creare una maggiore consapevolezza di rispetto della collettività, ma anche a reperire fondi per la maggior parte degli animali e dei loro amici".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più multe ai padroni di cani che sporcano, il ricavato andrà al canile rifugio

ChietiToday è in caricamento