Si possono posizionare telecamere per riprendere la strada: la Cassazione assolve due teatini

I due erano stati condannati per violenza privata dopo le rimostranze dei vicini. Ma, per la Suprema corte, la sicurezza non prevede reati verso altre persone

I privati cittadini possono installare telecamere sulle mura delle loro abitazioni per riprendere ciò che accade in strada. Lo ha sancito la Corte di Cassazione, assolvendo perché "il fatto non sussiste" i proprietari di una palazzina di Chieti, che erano stati condannati a sei mesi di reclusione per "violenza privata". I due erano finiti nel mirino della giustizia dopo le segnalazioni di alcuni vivini, in seguito all'installazione di obiettivi  "a snodo telecomandabile per ripresa visiva e sonora orientate su zone e aree aperte al pubblico transito".

Quell'occhio elettronico, però, era stato giudicato troppo invadente dal vicinato. Eppure, secondo la Cassazione, il fastidio potenzialmente arrecato a chi viene ripreso, è inferiore rispetto all'esigenza di sicurezza di chi decide di riprendere la pubblica strada. Insomma, tutelare i propri beni e la propria sicurezza, non implica un reato nei confronti di altri. 

L'unica accortezza obbligatoria è posizionare i cartelli di avviso della videosorveglianza. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si apre una nuova voragine: stop ai mezzi pesanti, si viaggia in un solo senso di marcia

  • Cronaca

    15enne aggredito dal suo cane mentre lo porta dal veterinario, finisce in ospedale

  • Politica

    Scacco di Forza Italia al sindaco: "Non votiamo le delibere fino alle dimissioni dell'assessore Di Biase"

  • Cronaca

    Riescono a entrare nell'azienda di carni e rubano un migliaio di prosciutti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel giorno del Giro: scontro con un'auto, morto un motociclista

  • Muore a 59 anni nello scontro della sua moto contro un'auto: ecco chi era la vittima

  • Scossa di terremoto nel chietino all'alba

  • Si è laureato a Chieti il primo abruzzese insignito del premio per cardiologi under 40

  • Muore sul raccordo autostradale di ritorno da un viaggio con la famiglia

  • Fondo Valle Alento, disposti i prossimi controlli elettronici alla velocità

Torna su
ChietiToday è in caricamento