menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordigni della Seconda Guerra Mondiale rinvenuti a Chieti

I residui bellici sono emersi nella zona di Santa Filomena, dove sorgerà il nuovo cimitero Parco della Memoria

Rinvenute schegge di ordigni bellici risalenti alla Seconda Guerra Mondiale durante i sondaggi nella zona di Santa Filomena a Chieti Scalo dove sorgerà il nuovo cimitero di Chieti Parco della Memoria. Le indagini antibelliche si sono rese necessarie per scongiurare la presenza di residui bellici prima dell'inizio dei lavori. "Dalle rilevazioni geofisiche GPR - spiega il geofisico Fabio Colantonio che ha curato l'analisi di rischio - è emersa a luglio la presenza di materiale ferroso compatibile con probabile ordigno bellico per forma, dimensione e risposta strumentale. E' stato necessario procedere con prudenza e incaricare una ditta specializzata in bonifica di ordigni. Le schegge rinvenute con un metaldetector dalla ditta incaricata in linea con le direttive del ministero della Difesa - spiega il responsabile CCM Luigi Natale - appartengono a una granata da 75mm. Una cosiddetta 'mina di circostanza', mine che venivano interrate con la spoletta rivolta in alto e al passaggio delle truppe nemiche esplodevano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento