menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operaio morto a Sambuceto, appello a D'Alfonso

Mancini all'indomani della scomparsa di Maurizio D'Ottavio: "Non si faccia passare anche quest'ultima tragedia come solo colpa del destino"

"Il presidente della Regione Luciano D’Alfonso assuma nell'immediato concrete iniziative per combattere, nella nostra Regione, questo triste e colpevole fenomeno. Maurizio D’Ottavio è, come tutte le vittime del lavoro, un eroe del nostro tempo". L'appello amaro arriva da Geremia Mancini, presidente onorario “Ambasciatori della fame” , all'indomani dell'incidente alla Ico di Sambuceto dove un operaio di Francavilla ha perso la vita cadendo dal tetto durante i lavori.

"Dall’inizio dell’anno sono, con quella di Maurizio D’Ottavio, ben 10 le vittime del lavoro in Abruzzo. Un numero atroce - commenta ancora Mancini - che testimonia quanto ancora sia lontano il realizzarsi di un mondo del Lavoro dove esista il reale rispetto della vita umana. Addirittura in Italia il numero (dati dell’Osservatorio Nazionale di Bologna) sono 250 i “caduti sul Lavoro”. Una vera e propria guerra combattuta tra chi rincorre, troppo spesso, solo il proprio utile e chi invece, per necessità, rischia la propria vita. Tutto questo nel silenzio, colpevole, delle istituzioni e nella pochezza di controlli. La dignità del lavoro è completamente calpestata". Al presidente della Regione Luciano D’Alfonso, Geremia Mancini chiede con forza di rilanciare un tavolo delle “responsabilità con le istituzioni preposte e con quelle imprenditoriale e sindacali. Non si faccia passare anche quest’ultima tragedia - conclude - come solo colpa del destino”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento