Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Largo Costantino Barbella

Largo Barbella: il Comune mette in sicurezza il tunnel

Nella mattinata odierna è stata ridotta la recinzione del cantiere, recuperando quattro posti auto, sono stati poi rimossi i rifiuti accumulatisi. Di Primio: "Il tunnel è un'opera inutile ma adesso va ultimata"

Versava in condizioni indecorose il cantiere del tunnel pedonale in largo Barbella.

I lavori, avviati dalla precedente amministrazione, erano infatti fermi da tempo a causa di alcune difficoltà incontrate dalla ditta che a suo tempo si aggiudicò l’appalto.

E questa mattina, durante un’opera di messa in sicurezza da parte del Comune di Chieti, la stessa non si è presentata per ottemperare la precedente richiesta di convocazione.

“Nel corso della settimana – ha dichiarato il sindaco Umberto Di Primio – incontrerò il legale dell’Ati “Tecnovie srl” di Isola del Gran Sasso e “Iciet Engineering srl” di Castelli al fine di trovare una definizione alla vicenda”.

Il tunnel pedonale, che avrebbe dovuto fungere da collegamento con il terminal di via Gran Sasso e mostrare la Chieti sotterranea, non piace affatto a Di Primio, che lo osteggiò con forza assieme all’assessore ai Lavori Pubblici Colantonio ai tempi in cui entrambi erano tra i banchi dell’opposizione.

“Tuttavia – chiarisce il sindaco - si tratta di un appalto che bisognerà portare a termine altrimenti avremmo buttato al vento milioni di euro di soldi pubblici”.

Così nella mattinata odierna si è provveduto a mettere in sicurezza la recinzione di cantiere del tunnel tramite il ripristino degli agganci, per impedirne l’accesso agli estranei. I tecnici del Comune di Chieti hanno proceduto alla pulizia e rimozione di tutti i rifiuti accumulatisi, mettendo in sicurezza anche il pozzo a cisterna, stoccando poi, all’interno dell’area di cantiere, il materiale edile non utilizzato.

Sono stati così  recuperati anche quattro posti auto nello spiazzo.

“Da tempo il cantiere risultava essere in completo stato di abbandono, con gravi problemi per l’igiene pubblica e pericolo di caduta nel pozzo a cisterna a causa delle aperture presenti in diversi punti della recinzione – ha precisato Colantonio  - l’amministrazione comunale si è dovuta far carico degli interventi utilizzando proprio personale oggi ma resta inteso che i costi della messa in sicurezza delle aree verranno addebitati all’impresa teramana inottemperante”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Largo Barbella: il Comune mette in sicurezza il tunnel

ChietiToday è in caricamento