menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Bucchianico la chiesa amata da una comunità che rischia di scomparire

L'edificio sacro della Madona dell'Assunta attende un triste destino: le ruspe. Il comitato abruzzese del paesaggio dice no

Una comunità si stringe intorno ad un edificio sacro, un luogo storico che è testimonianza di ricordi e memoria collettiva, un bene prezioso del patrimonio culturale ed architettonico di un paese. Si tratta della chiesa della Madonna dell’Assunta a Bucchianico. 

L’incuria l’ha fatta da padrona negli anni passati ed oggi, la chiesa, rischia di scomparire. C’è un parere favorevole per la demolizione, datato 6 marzo 2018 ed espresso dal Comune di Bucchianico, dalla regione Abruzzo, dal comando provinciale dei vigili del fuoco di Chieti e dalla soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo.

Ad opporsi a tale decisione l’associazione comitato abruzzese del paesaggio che promuove una petizione per revocare il parere favorevole e per adottare i provvedimenti necessari per la conservazione della struttura. 

La chiesa dell’Assunta fu ricostruita tra il 1876 e 1879 con progetto dell’architetto Sorge sui resti del convento di S. Spirito occupato nel XIV sec. dai Celestini, luogo conosciuto anche come una delle locande di ingresso al paese. Interessante la facciata e le proporzioni di ispirazione neoclassica, posta all’ingresso del cimitero comunale. Il complesso rappresenta una parte integrante del paesaggio, un immobile sulla sommità di una collina ai piedi del borgo di Bucchianico. Gli ultimi interventi del cimitero comunale, attraverso un project financing per il suo ampliamento, prevedevano nell’offerta economica proposta dal privato aggiudicatario anche la messa in sicurezza della Chiesa, azione mai messa in opera.

Si tratta di un immobile di pregio che l’amministrazione comunale ha deciso di abbattere per far posto ad una chiesa nuova, di dimensioni ridotte. 

Il comitato abruzzese del paesaggio chiede alle istituzioni di non far arrivare le ruspe e attivarsi per la ricerca di finanziamenti utili alla messa in sicurezza.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento